Crea sito

Tecnologia. Casa-ufficio gratis con l’auto elettrica a pannelli solari

Casa-ufficio gratis con l'auto elettrica a pannelli solari

Entro poco più di un anno, grazie all’energia solare lo spostamento casa-ufficio in auto potrebbe diventare gratuito. Una start-up tedesca, la Sono Motors, si prepara infatti a lanciare sul mercato la Sion: si tratta di unavettura elettrica dotata di 330 pannelli fotovoltaici, in grado di ricaricare le batterie di bordo sia quando il veicolo è posteggiato, sia quando è in movimento. Con otto ore di sosta al sole, promettono, accumula energia a sufficienza per percorrere sino a 20 chilometri, tanti quanti vengono coperti ogni giorno da migliaia di italiani per recarsi sul posto di lavoro con la macchina.

Gli accumulatori di bordo agli ioni di litio da 35 kWh, ricaricabili anche con una normale presa elettrica, garantiscono con il “pieno” (3-8 ore, a seconda dell’amperaggio) un’autonomia di 250 km. Per farlo con il sole, spiegano dalla Sono Motors, servirebbe una settimana di esposizione alla luce. Nata dall’idea di tre ragazzi tedeschi, finanziata principalmente tramite Internet, con una piattaforma di crowdfunding, la giovane azienda punta a consegnare entro il quarto trimestre del 2019 i primi esemplari della Sion ai propri clienti, che sono già oltre 3.700 sparsi per il mondo. Tanti, sono, infatti, i sostenitori dell’iniziativa, che hanno versato a titolo di caparra una cifra compresa tra 100 euro e i 16mila del prezzo complessivo della vettura.

Gli 850.000 euro complessivamente raccolti hanno permesso alla start-up, che oggi conta 40 persone, di realizzare due prototipi perfettamente funzionanti, dotati di motore EV da 109 Cv, assemblati con pezzi provenienti da vari fornitori. Nei giorni scorsi le due auto, lunghe 4,11 metri, progettate per ospitare cinque persone, sono state presentate in alcune piazze italiane per delle prove in aree chiuse al traffico. “Dall’inizio di marzo – ha spiegato Valentin Isert della Sono Motors, nella tappa di Assago – abbiamo effettuato in
Italia circa 400 test drive e una ventina degli automobilisti che l’hanno provata l’hanno prenotata“. Altri trenta l’hanno opzionata al buio.

avvenire