Crea sito

La tradizione senza i preti sposati è incompleta. Il cardinale Marx possibilista sull’abolizione del celibato dei preti

Un pezzo da novanta del collegio cardinalizio, il cardinale tedesco Reinhard Marxmembro del consiglio di cardinali che guida il Papa sulla via delle riforme favorevole ai preti sposati

Il Movimento Internazionale dei Sacerdoti Sposati commenta la notizia pubblicata da “Il Messaggero”: “Da tutto il mondo arrivano richieste al Papa e al Vaticano sulla riforma. Bergoglio non può ancora aspettare a riammettere al ministero i preti sposati, grande risorsa per la Chiesa”.

Il card. Marx non è nuovo a proposte che, per essere benevoli, dovremmo dire “provocatorie”. Il fatto è che non sono affatto provocatorie, ma reali e convintamente portate avanti. Il card. Marx non è solo il presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, una delle Conferenze più importanti al mondo, ma è anche un esponente del C9, il comitato dei 9 cardinali che assistono il Papa nella riforma della Curia Romana. Dunque un cardinale molto vicino al Papa.

Nella sua omelia alla Messa di Capodanno dello scorso anno  nella Cattedrale di Nostra Signora a Monaco di Baviera, il Cardinale Marx ha detto che la Chiesa deve, “alla luce del fallimento” che circonda la crisi degli abusi sessuali del clero, modificare la tradizione in risposta ai cambiamenti dei tempi moderni.

“Credo che sia giunta l’ora di impegnarsi profondamente per aprire la via della Chiesa al rinnovamento e alla riforma”, ha detto il Cardinale Marx, secondo un testo dell’omelia pubblicata sul sito web dell’arcidiocesi.  “L’evoluzione della società e le esigenze storiche hanno reso evidenti i compiti e l’urgente necessità di rinnovamento”.

Il cardinale, che è presidente della Conferenza episcopale tedesca, ha detto che le misure attuali per affrontare gli abusi sessuali non sono sufficienti senza adattare gli insegnamenti della Chiesa. “Sì, le questioni riguardano lo sviluppo e il miglioramento e la prevenzione e le revisioni indipendenti – ma si richiede anche di più”, ha detto.

“Sono certo che il grande impulso di rinnovamento del Concilio Vaticano II non viene veramente portato avanti e compreso in profondità. Dobbiamo continuare a lavorare su questo”, ha detto. “Sono necessari ulteriori adattamenti degli insegnamenti della Chiesa”.
“La verità non è definitiva. Possiamo riconoscerla più profondamente nel cammino comune della Chiesa”, ha detto il cardinale Marx nella sua omelia. Ha detto che prenderà nuove posizioni sulle questioni perché è suo “dovere di sacerdote e di vescovo” farlo.

Ha aggiunto che i cattolici devono “lasciarsi alle spalle categorie come sinistra e destra, liberale e conservatore e concentrarsi sul cammino del Vangelo in un momento concreto nel tempo”.

Volgetevi a un nuovo modo di pensare. Rischiare questo pensiero è importante alla fine dell’anno e all’inizio di un nuovo anno – non una fuga nella retorica del passato“, ha detto.

Naturalmente siamo in una grande tradizione – ma questa non è una tradizione completa. È un percorso verso il futuro”.