Lo Stato islamico minaccia la Turchia: “libereremo Istanbul”

(AGI) – Ankara, 9 ago. – Un portavoce dello Stato islamico in Siria, Abu Mosa, ha minacciato un intervento del gruppo jihadista a Istanbul in un’intervista al giornalista palestinese Medyan Dairieh, per l’emittente “Vice News”. Nel video filmato da Dairieh, Mosa afferma che lo Stato islamico deve “liberare Istanbul”, accusando la Turchia di aver deviato il flusso del fiume Eufrate. “Prego che il governo apostata (della Turchia, ndr) riconsideri le sue decisioni perche’ se non lo fanno, lo faremo noi per loro liberando Istanbul”, ha detto Mosa a Raqqa, in Siria.

“E’ una chiara minaccia. Se non aprono (la diga di Ataturk in Turchia) lo faremo noi da Istanbul”, ha aggiunto Mosa. A maggio scorso il governo siriano aveva accusato i gruppi jihadisti di aver tagliato le forniture di acqua ad Aleppo. Poco dopo invece il quotidiano libanese “Al Akhbar” aveva accusato il governo turco di deviare il corso del fiume Eufrate, un’accusa che Ankara ha sempre respinto. (AGI)

Approfondisci

BskyB acquista Sky in Italia e Germania, nasce colosso europeo della pay-tv

 

Nasce Sky Europe: il network satellitare britannico BskyB ha rilevato Sky Italia e Sky Deutschland dalla 21st Century Fox di Rupert Murdoch per 4,9 miliardi di sterline (pari a 6,2 miliardi di euro) complessivi.
BskyB, che e’ a sua volta controllata dalla 21st Century Fox con una quota del 39%, paghera’ la somma in contanti, obbligazioni e un collocamento di azioni pari al 10% del suo capitale attuale. Nei dettagli, la societa’ sborsera’ 2,45 miliardi di sterline per il 100% di Sky Italia e 2,9 miliardi di sterline per il 57% di Sky Deutschland in mano alla Fox (ma, secondo la legge tedesca, dovra’ presentare un’offerta per l’intera azienda) per dare vita a un colosso paneuropeo della televisione con 20 milioni di utenti. BskyB cedera’ inoltre la propria quota in National Geographic Channel alla controllante, nel frattempo impegnata in una corte spietata a Time Warner. BskyB spera con questa operazione di trovare nuovi spazi per crescere, dato che in Italia e in Germania la pay-tv non e’ ancora diffusa o redditizia come in Gran Bretagna. (AGI)

Approfondisci

Fede al telefono “Dell’Utri sa tutto di Berlusconi e mangia”, lui smentisce

(AGI) – Milano, 22 lug. – “Guarda a Berlusconi cosa gli sta mangiando. Perche’ lui e’ l’unico che sa. Ti rendi conto che ci sono 70 conti esteri, tutti che fanno riferimento a Dell’Utri?”. E’ quanto avrebbe detto Emilio Fede a Gaetano Ferri, in una registrazione consegnata dallo stesso Ferri ai magistrati di Monza. Ma, contattato al telefono dall’Agi l’ex direttore del Tg4 smentisce categoricamente. “Ferri ha manipolato le mie dichiazioni, e’ tutto falso – dice -, l’ho gia’ denunciato per calunnia, ricatto, tentata estorsione minacce gravi”. “Un conto sono le dichiarazioni da me rilasciate al pm Di Matteo in cui mi riconosco pienamente, ma queste ultime sono state mescolate, come in un frullatore, con le porcherie di questo farabutto, delinquente”, aggiunge Fede.
“Questo si e’ presentato a me come personal trainer in cerca di un lavoro, ma quello che ha compiuto non e’ altro che una truffa, un falso: mi ha registrato per lungo tempo ma le cose emerse non sono altro che quelle che si possono leggere su tutti i giornali”, sostiene, “poi, credo abba tentato di vendere questi nastri ad alcuni giornali”. (AGI) .

Approfondisci

Lamberto Sposini intervista l’arcivescovo

Domenica 1 aprile,  alle 18.30 su Tv2000 (Canale 28 del Digitale Terrestre e in streaming su www.tv2000.it), durante il programma “Un Vescovo, una Città” , Lamberto Sposini intervista mons. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve.

Lamberto Sposini

La puntata L’intervista è stata fatta il 12 marzo dello scorso anno, poche settimane prima del grave malore che colpì il noto giornalista televisivo umbro Lamberto Sposini. «Mons. Bassetti, che sin da subito si informò e si tenne aggiornato sulle condizioni di salute di Sposini – rende noto la diocesi –  coglie l’occasione della messa in onda di questa trasmissione per augurare al giornalista un celere recupero in salute, formulandogli anche gli auguri di una serena Santa Pasqua.

‘Un vescovo e una città’, trasmissione storica di TV2000: complessivamente oltre centocinquanta vescovi italiani hanno raccontato se stessi e le loro diocesi a illustri personaggi. Noti giornalisti, uomini di spettacolo, poeti, scrittori, presentatori televisivi, campioni olimpionici. Ognuno rivolgendosi al vescovo della propria terra d’origine, permettendo così di tracciare un ritratto sia personale (la storia della propria vocazione, come un Vescovo trascorre la giornata, il rapporto con la comunità), sia quello della propria diocesi (dal punto di vista storico, religioso, economico e sociale) e rivelando il pensiero il vescovo su tanti fatti di attualità. L’insieme di queste interviste ci restituisce nel tempo una mappa dell’Italia, vista e commentata dai Pastori della nostra Chiesa. Ogni puntata, poi, è ricca d’immagini che illustrano la città, il territorio e la vita del vescovo. La nuova serie riprende con nomi molto noti al pubblico come Andrea Bocelli, Lamberto Sposini, Toni Capuozzo, Gigliola Cinquetti e tanti altri.

umbria24.it

12 Aprile 2012 ore 07:19

Approfondisci

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento)

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento) senza che ne risentissero (anzi…) gli ascolti de La vita in diretta (voto: 6). Marco Liorni (6) parla a Libero di "esperienza forgiante, anche fisicamente, visti i tempi televisivi e i ritmi di quattro ore al giorno. E' una bella macchina da guidare, anzi co-guidare con Mara Venier. Anche lei si occupa di cronaca e io parlo volentieri di cose più leggere perchè non mi piace avere sempre la faccia triste. Abbiamo trovato un'intesa sia umana che professionale. Mara mi era stata presentata come un personaggio spigoloso ma almeno per ora, di spigoli non ne ho urtati".

E' stata proprio lei a suggerirlo alla conduzione: "Venne un giorno in redazione mentre stavamo facendo Estate in diretta e disse al capostruttura: 'Come stiamo vicini?'". Gli ascolti stanno premiando la scelta: "Per fortuna! E' un aspetto importante perchè, se il programma fosse sceso, se la sarebbero presa con me, essendo io l'unica novità".
Sulla sostituzione di Sposini: "Nella prima puntata ho sentito una tensione quasi paralizzante, ma l'importante è trasformare questa tensione in uno stimolo a dare sempre il meglio. La sua conduzione, attenta e non urtata, mi piace molto. Ma piano piano sto trovando un linguaggio mio, cerco di entrare sempre con la massima sensibilità nelle storie, senza trattarle come l'ennesimo caso di cronaca ma cercando l'immedesimazione, l'empatia".
Su Barbara d'Urso (6): "Ci siamo scambiati un in bocca al lupo prima di cominciare e poi l'ho chiamata qualche giorno fa per chiarire perchè in un'intervista è stata riportata una mia battuta sugli ascolti, fatta per ridere, e non volevo che pensasse che dicessi sul serio".
Sul Grande Fratello (5) di cui è stato inviato: "All'inizio era un programma di costume, poi è diventato sempre più uno show e non mi ci sono ritrovato più".

RASSEGNA STAMPA Aldo Grasso, in un recente articolo sul Corriere della Sera, stronca Liorni: "È una vita che tenta di dire la sua, ma c'è sempre una donna che lo sovrasta. Adesso sta conducendo La vita in diretta su Raiuno: poteva essere la sua grande occasione, una vetrina per dimostrare tutte le sue qualità. E invece… Invece ha incontrato Mara Venier che lo sovrasta in tutti i modi: fisicamente, con la sua risata incontinente, nell'eloquio, persino quando si confronta con gli ospiti. Marco è un timidone, ben educato, preferisce ritirarsi. Liorni accetta da sempre la sua situazione, secondo un duro insegnamento di Montaigne: «Come il donare è qualità ambiziosa e di privilegio, così l'accettare è caratteristica di sottomissione». È un destino il suo: al Grande Fratello doveva fare il valletto di Daria Bignardi (non osava respirare, il poveretto), di Barbara D'Urso (aveva spazio per dire qualcosa?), di Alessia Marcuzzi (e qui le colpe sono anche un po' di Marco, basta vedere come nella pubblicità degli yogurt la grande Geppi Cucciari stia scalzando la povera Alessia). Persino quando si è trovato a condurre Il candidato, un programma che serviva a selezionare uno dei concorrenti della settima edizione del GF, si è trovato tra i piedi Platinette. È vero, verissimo, la tv è maschilista, ma al dramma, alla solitudine di Marco Liorni non ci pensa nessuno?".

tratto da blogsfere

Approfondisci

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento)

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento) senza che ne risentissero (anzi…) gli ascolti de La vita in diretta (voto: 6). Marco Liorni (6) parla a Libero di "esperienza forgiante, anche fisicamente, visti i tempi televisivi e i ritmi di quattro ore al giorno. E' una bella macchina da guidare, anzi co-guidare con Mara Venier. Anche lei si occupa di cronaca e io parlo volentieri di cose più leggere perchè non mi piace avere sempre la faccia triste. Abbiamo trovato un'intesa sia umana che professionale. Mara mi era stata presentata come un personaggio spigoloso ma almeno per ora, di spigoli non ne ho urtati".

E' stata proprio lei a suggerirlo alla conduzione: "Venne un giorno in redazione mentre stavamo facendo Estate in diretta e disse al capostruttura: 'Come stiamo vicini?'". Gli ascolti stanno premiando la scelta: "Per fortuna! E' un aspetto importante perchè, se il programma fosse sceso, se la sarebbero presa con me, essendo io l'unica novità".
Sulla sostituzione di Sposini: "Nella prima puntata ho sentito una tensione quasi paralizzante, ma l'importante è trasformare questa tensione in uno stimolo a dare sempre il meglio. La sua conduzione, attenta e non urtata, mi piace molto. Ma piano piano sto trovando un linguaggio mio, cerco di entrare sempre con la massima sensibilità nelle storie, senza trattarle come l'ennesimo caso di cronaca ma cercando l'immedesimazione, l'empatia".
Su Barbara d'Urso (6): "Ci siamo scambiati un in bocca al lupo prima di cominciare e poi l'ho chiamata qualche giorno fa per chiarire perchè in un'intervista è stata riportata una mia battuta sugli ascolti, fatta per ridere, e non volevo che pensasse che dicessi sul serio".
Sul Grande Fratello (5) di cui è stato inviato: "All'inizio era un programma di costume, poi è diventato sempre più uno show e non mi ci sono ritrovato più".

RASSEGNA STAMPA Aldo Grasso, in un recente articolo sul Corriere della Sera, stronca Liorni: "È una vita che tenta di dire la sua, ma c'è sempre una donna che lo sovrasta. Adesso sta conducendo La vita in diretta su Raiuno: poteva essere la sua grande occasione, una vetrina per dimostrare tutte le sue qualità. E invece… Invece ha incontrato Mara Venier che lo sovrasta in tutti i modi: fisicamente, con la sua risata incontinente, nell'eloquio, persino quando si confronta con gli ospiti. Marco è un timidone, ben educato, preferisce ritirarsi. Liorni accetta da sempre la sua situazione, secondo un duro insegnamento di Montaigne: «Come il donare è qualità ambiziosa e di privilegio, così l'accettare è caratteristica di sottomissione». È un destino il suo: al Grande Fratello doveva fare il valletto di Daria Bignardi (non osava respirare, il poveretto), di Barbara D'Urso (aveva spazio per dire qualcosa?), di Alessia Marcuzzi (e qui le colpe sono anche un po' di Marco, basta vedere come nella pubblicità degli yogurt la grande Geppi Cucciari stia scalzando la povera Alessia). Persino quando si è trovato a condurre Il candidato, un programma che serviva a selezionare uno dei concorrenti della settima edizione del GF, si è trovato tra i piedi Platinette. È vero, verissimo, la tv è maschilista, ma al dramma, alla solitudine di Marco Liorni non ci pensa nessuno?".

tratto da blogsfere

Approfondisci

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento)

Ha sostituito Lamberto Sposini (le cui condizioni di salute sono in miglioramento) senza che ne risentissero (anzi…) gli ascolti de La vita in diretta (voto: 6). Marco Liorni (6) parla a Libero di "esperienza forgiante, anche fisicamente, visti i tempi televisivi e i ritmi di quattro ore al giorno. E' una bella macchina da guidare, anzi co-guidare con Mara Venier. Anche lei si occupa di cronaca e io parlo volentieri di cose più leggere perchè non mi piace avere sempre la faccia triste. Abbiamo trovato un'intesa sia umana che professionale. Mara mi era stata presentata come un personaggio spigoloso ma almeno per ora, di spigoli non ne ho urtati".

E' stata proprio lei a suggerirlo alla conduzione: "Venne un giorno in redazione mentre stavamo facendo Estate in diretta e disse al capostruttura: 'Come stiamo vicini?'". Gli ascolti stanno premiando la scelta: "Per fortuna! E' un aspetto importante perchè, se il programma fosse sceso, se la sarebbero presa con me, essendo io l'unica novità".
Sulla sostituzione di Sposini: "Nella prima puntata ho sentito una tensione quasi paralizzante, ma l'importante è trasformare questa tensione in uno stimolo a dare sempre il meglio. La sua conduzione, attenta e non urtata, mi piace molto. Ma piano piano sto trovando un linguaggio mio, cerco di entrare sempre con la massima sensibilità nelle storie, senza trattarle come l'ennesimo caso di cronaca ma cercando l'immedesimazione, l'empatia".
Su Barbara d'Urso (6): "Ci siamo scambiati un in bocca al lupo prima di cominciare e poi l'ho chiamata qualche giorno fa per chiarire perchè in un'intervista è stata riportata una mia battuta sugli ascolti, fatta per ridere, e non volevo che pensasse che dicessi sul serio".
Sul Grande Fratello (5) di cui è stato inviato: "All'inizio era un programma di costume, poi è diventato sempre più uno show e non mi ci sono ritrovato più".

RASSEGNA STAMPA Aldo Grasso, in un recente articolo sul Corriere della Sera, stronca Liorni: "È una vita che tenta di dire la sua, ma c'è sempre una donna che lo sovrasta. Adesso sta conducendo La vita in diretta su Raiuno: poteva essere la sua grande occasione, una vetrina per dimostrare tutte le sue qualità. E invece… Invece ha incontrato Mara Venier che lo sovrasta in tutti i modi: fisicamente, con la sua risata incontinente, nell'eloquio, persino quando si confronta con gli ospiti. Marco è un timidone, ben educato, preferisce ritirarsi. Liorni accetta da sempre la sua situazione, secondo un duro insegnamento di Montaigne: «Come il donare è qualità ambiziosa e di privilegio, così l'accettare è caratteristica di sottomissione». È un destino il suo: al Grande Fratello doveva fare il valletto di Daria Bignardi (non osava respirare, il poveretto), di Barbara D'Urso (aveva spazio per dire qualcosa?), di Alessia Marcuzzi (e qui le colpe sono anche un po' di Marco, basta vedere come nella pubblicità degli yogurt la grande Geppi Cucciari stia scalzando la povera Alessia). Persino quando si è trovato a condurre Il candidato, un programma che serviva a selezionare uno dei concorrenti della settima edizione del GF, si è trovato tra i piedi Platinette. È vero, verissimo, la tv è maschilista, ma al dramma, alla solitudine di Marco Liorni non ci pensa nessuno?".

tratto da blogsfere

Approfondisci

Fiorello torna in prima serata su Rai1

Si chiamera' 'Il piu' grande spettacolo dopo il week end' lo show che dal 14 novembre, per quattro lunedi', riportera' Fiorello in prima serata su Rai1. Lo anticipa lo stesso showman sul web, come annuncia stasera il Tg1.

Il titolo del programma di Fiorello richiama uno dei brani recenti di maggior successo di Jovanotti, 'Il piu' grande spettacolo dopo il Big Bang', contenuto nell'ultimo album 'Ora'. Circondato dai suoi autori, nella clip diffusa su YouTube e rilanciata stasera dal Tg1 lo showman scherza al telefono con il cantante: ''Possiamo usarlo allora il titolo? Grazie, Lorenzo''. E poi: ''Saremo il piu' grande spettacolo dopo il week end perche' il lunedi' ci siamo solo noi. Poi il martedi', mercoledi', giovedi', venerdi' ci sono gli altri, che sono tutti piu' grandi di noi''
Fiorello
ansa

Approfondisci

Fiorello torna in prima serata su Rai1

Si chiamera' 'Il piu' grande spettacolo dopo il week end' lo show che dal 14 novembre, per quattro lunedi', riportera' Fiorello in prima serata su Rai1. Lo anticipa lo stesso showman sul web, come annuncia stasera il Tg1.

Il titolo del programma di Fiorello richiama uno dei brani recenti di maggior successo di Jovanotti, 'Il piu' grande spettacolo dopo il Big Bang', contenuto nell'ultimo album 'Ora'. Circondato dai suoi autori, nella clip diffusa su YouTube e rilanciata stasera dal Tg1 lo showman scherza al telefono con il cantante: ''Possiamo usarlo allora il titolo? Grazie, Lorenzo''. E poi: ''Saremo il piu' grande spettacolo dopo il week end perche' il lunedi' ci siamo solo noi. Poi il martedi', mercoledi', giovedi', venerdi' ci sono gli altri, che sono tutti piu' grandi di noi''
Fiorello
ansa

Approfondisci

Via libera alle nomine Rai: Di Bella a Raitre, a Masi il Tg2

Roma, 28 set. (TMNews) – Il Cda della Rai ha approvato a maggioranza le nomine di Antonio Di Bella alla direzione di Raitre, di Marcello Masi a quella di Tg2, di Giovanni Miele a Gr Parlamento, di Gianni Scipione Rossi a Rai Parlamento e di Roberto Nepote a Rai Gold. Le nomine sbloccano uno stallo che durava da diversi mesi, in particolare per il Tg2 dove l'azienda ha confermato la direzione di Masi (nessuna parentela con l'ex Dg) chiesta con forza da tutta la redazione dopo i tre mesi di interim.

Il Consiglio, ha anche approvato – sempre a maggioranza – le tre condirezioni per Rai Parlamento, Gr Parlamento e Gr tre con Giorgio Giovannetti, Simonetta Faverio e Gianfranco D'Anna.

Approfondisci