Crea sito

“Quando ci si riferisce al campo intra-ecclesiale, è difficile non provare delusione.” Non tutti i “sogni” del documento Pontificio “Cara Amazzonia” implicano profezia e audacia

in religion digital
(di Consuelo Vélez)

“Quando ci si riferisce al campo intra-ecclesiale, è difficile non provare delusione.” Non tutti i “sogni” del documento Pontificio “Cara Amazzonia” implicano profezia e audacia.

Ancora una volta, la possibilità di una vera e vera riforma ecclesiale si perde nella chiesa: l’uguaglianza fondamentale di tutto il popolo di Dio, con una diversità di ministeri, sì, ma non con la retrocessione delle donne al secondo posto

Una chiesa piena di paure di cambiamento non sembra una chiesa fedele alla profezia delle origini cristiane

L’esortazione post-sinodale “Cara Amazzonia” è appena uscita e i commenti non tardano ad arrivare. Ce ne sono di tutti i tipi. Alcuni, cercando di esaltare il documento con espressioni come “è un testo abbastanza bello, forse il più bello di cui Francisco abbia scritto” o “L’esortazione è una lettera d’amore”; altri, dandogli la migliore interpretazione possibile per ammorbidire, forse, quel sapore “agrodolce” che l’esortazione porta non rispondendo a molte delle grandi aspettative che il documento finale del Sinodo aveva lasciato: “L’emergere di una” nuova ermeneutica “in l’insegnamento “o” L’esortazione ‘completa’ il documento sinodale senza annullarlo. ” Alcuni altri non nascondono la loro delusione, ma fanno appello alla speranza che la nuova cosa che Francesco ha portato valga la pena continuare a sostenerlo: “Tristezza e delusione, con un leggero accenno di speranza”. Di fronte a così tanti commenti, dobbiamo solo provare i nostri perché, dopo tutto, è quello che ci avvia sulla strada per vivere la missione a cui ci sentiamo chiamati. Il titolo che ho indicato, confesso che è stato difficile per me formularlo, ma penso che riassuma ciò che commenterò dopo.

Ho iniziato a leggere l’Esortazione con grande interesse e ho trovato il linguaggio vicino, comprensibile, realistico, concreto a cui Papa Francesco ci ha abituato. Quindi sono stato entusiasta di trovare ciò che avevo letto in alcuni dei commenti menzionati sopra che il Papa non ha annullato il documento finale del Sinodo, ma ha invitato che “i pastori, consacrati, consacrati e fedeli laici dell’Amazzonia si sforzano di applicare e potrebbe in qualche modo ispirare tutte le persone di buona volontà ”(n. 4).
Così ho approfondito i “quattro sogni” che l’Amazzonia ispira Papa Francesco e che compongono i quattro capitoli dell’Esortazione: (1) Un sogno sociale: la lotta per i diritti dei più poveri, dei popoli originari; (2) Un sogno culturale: preservare la sua ricchezza culturale; (3) Un sogno ecologico: custodire la straordinaria bellezza naturale; e (4) un sogno ecclesiale: suscitare comunità cristiane dal volto amazzonico ”(n. 7).

Sul “sogno sociale” il Papa ricollega il sociale con quello ecologico: è urgente ascoltare il grido della terra e il grido dei poveri, non come due realtà separate ma come la stessa causa che deve compromettere la vita cristiana. L’impegno per i poveri non può essere preso senza chiamare per nome coloro che causano quella situazione. Ecco perché si riferisce agli “interessi colonizzatori” del passato e ora (n. 9) che producono la migrazione degli indigeni verso le città, i luoghi in cui soffrono di xenofobia, sfruttamento sessuale e tratta di esseri umani (n. 10) . Tutto ciò che queste persone soffrono ha un nome “ingiustizia e criminalità” (n. 14) che rende necessario “essere indignati” poiché Dio stesso è indignato per l’ingiustizia (n. 15). Di fronte a così tanto dolore, la “Chiesa non può essere meno impegnata ed è chiamata ad ascoltare le grida dei popoli amazzonici per poter esercitare il loro ruolo profetico con trasparenza”, riconoscendo, vergognando e chiedendo perdono perché non sapevano sempre come schierarsi con gli oppressi in la conquista dell’America (n. 19).

Il sociale implica non solo l’individuo ma anche la comunità, quindi l’urgenza di promuovere tutto ciò che aiuta a preservare i valori e gli stili di vita dei popoli originari (n. 21). Chiedendo alle istituzioni della società civile, si scopre che non sono estranei alla corruzione (n. 24) e, molto seriamente, non si può negare che alcuni membri della chiesa siano stati complici di tali corruzioni con l’obiettivo di ottenere aiuti economico per opere ecclesiali (n. 25).

Sul “sogno culturale”, Francesco insiste per evitare qualsiasi colonizzazione dell’Amazzonia. È necessario aiutarla a ottenere il meglio di sé: “coltivare senza sradicare, crescere senza indebolire l’identità, promuovere senza invadere” (n. 28). Tutto ciò si unisce alla necessità di un incontro interculturale in cui identità e dialogo non sono nemici, ma possono essere fertilizzati per crescere reciprocamente poiché ogni cultura può diventare sterile se è chiusa in se stessa (n.37). La diversità non dovrebbe significare minacce, né giustificare gerarchie di potere, ma il dialogo da diverse visioni culturali, di rinascita della speranza (n. 38).

“Sogno ecologico” significa recuperare quella stretta relazione tra uomo e natura, dove l’esistenza quotidiana è sempre cosmica (n. 41). Ecco perché il grido dell’Amazzonia raggiunge tutti perché la conquista e lo sfruttamento delle risorse oggi minaccia la stessa capacità di ricevere l’ambiente: l’ambiente come “risorsa” mette in pericolo l’ambiente come “casa”. Qui il Papa denuncia “l’interesse di alcune potenti compagnie” che si pone al di sopra del bene dell’Amazzonia e dell’intera umanità (n. 48). Questo è il motivo per cui il compito delle organizzazioni internazionali e delle organizzazioni della società civile che cooperano criticamente, utilizzando meccanismi di pressione legittimi, è encomiabile, in modo che i governi rispettino il dovere di preservare l’ambiente senza essere venduti a interessi locali o internazionali (n. 50). È anche importante avere uno sguardo contemplativo per rendere l’Amazzonia un luogo teologico, uno spazio in cui Dio stesso si mostra e convoca i suoi figli (n. 57). Tutto ciò ci chiama all ‘”ecologia integrale” che il Papa ha sviluppato in modo così ampio nell’enciclica Laudato si (n. 58) e che chiama la Chiesa a contribuire anche alla cura e alla crescita dell’Amazzonia (n. 60). In tutti questi sogni il Papa ricorda la dottrina sociale della chiesa, riferendosi a importanti testi di questa dottrina.

Sul “sogno ecclesiale”, il Papa si rivolge specificamente ai pastori e ai fedeli cattolici (n. 60). Comincia ricordando la necessità dell’annuncio del kerygma (n. 65) e continua a insistere sull’inculturazione della fede per non sopraffare i popoli originali, per valorizzare la loro cultura, la loro saggezza, la loro religiosità popolare (n. 70). Sottolinea inoltre la dimensione sociale che implica la ferma difesa dei diritti umani perché l’evangelizzazione non può essere separata dalla promozione umana (n. 75.78). Finora il Papa mantiene il suo discorso sociale, dalla parte dei poveri, mettendo in discussione la coscienza sociale e unendo fede e realtà. Tutto molto bene! Incoraggiare, compromettere e promuovere la missione ecclesiale con l’Amazzonia.

Ma quando si parla di campo intra-ecclesiale, è difficile non provare delusione. Al di fuori della liturgia inculturata (n. 82) e dell’opzione “misericordia” piuttosto che “norme” (n. 84), il riferimento all ‘”inculturazione dei ministeri” può solo riflettere “poca profezia, poca audacia, poca capacità di sognare. ” Sebbene nota le difficoltà dell’Amazzonia per una celebrazione assidua dei sacramenti e per una maggiore presenza ecclesiale lì, la risposta che propone è di ratificare che poiché solo il sacerdote può celebrare l’Eucaristia (n. 88) non c’è altra scelta che promuovere il preghiera per le vocazioni sacerdotali e ricerca di più sacerdoti missionari per andare in Amazzonia (n. 90). Non esclude il risveglio delle comunità cristiane e il mantenimento della presenza stabile di leader e laici maturi e il potere di consentire lo sviluppo della propria cultura ecclesiale, marcatamente laica (n. 94), ma non esiste altro percorso aperto, nessuna proposta che offra davvero una speranza ecclesiale. Ma tutto non finisce qui. Nel tentativo di giustificare che le donne non possono avere accesso all’ordine sacro, vengono invocate ragioni assolutamente insufficienti che causano dolore e indignazione. Identificando le donne con Maria e i sacerdoti con Gesù, l’identificazione teologicamente insostenibile, a proposito, limita ancora una volta le donne al ruolo di “sostenere, contenere e prendersi cura” della comunità, mentre i ruoli di leadership, organizzazione, pianificazione, conduzione, decisione, rimangono nelle mani degli uomini (n. 101) perché nella chiesa attuale, questi casi sono nelle mani dei chierici e, naturalmente, non ci sono donne.

Ancora una volta, la possibilità di una profonda e vera riforma ecclesiale si perde nella chiesa: l’uguaglianza fondamentale di tutto il popolo di Dio, con una diversità di ministeri, sì, ma non con la retrocessione delle donne al secondo posto. Una chiesa piena di paure di cambiamento non sembra una chiesa fedele alla profezia delle origini cristiane. Comunque, come diceva San Pedro Poveda: “Abbiamo molta fiducia, molta speranza, e non smettiamo di sognare e realizziamo persino alcuni sogni”. Ancora una volta, dobbiamo continuare a sperare che il sogno di una chiesa sia più in linea con il sogno di Gesù, un giorno diventerà possibile.

traduzione a cura di sacerdotisposati@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *