Crea sito

Chiusure vaticane su riforma… si torna indietro

2020.02.04 Libro San Giovanni Paolo Magno, Edizioni San Paolo

Prete autore di libro su Papa Francesco e Giovanni Paolo  II chiarisce il pensiero di Bergoglio su celibato e sacerdozio.

Su questi temi non solo il Papa è stato molto chiaro, ma ha anche corretto le mie domande. Mentre io cercavo, in maniera provocatoria, di dire che la situazione attuale di crisi vocazionale e gli scandali legati agli abusi aprivano un grande punto interrogativo sul celibato sacerdotale, Francesco non soltanto ha ribadito che il celibato è innanzitutto una caratteristica propria della Chiesa latina, ma ha aggiunto una parola che è diventata la parola chiave per capire il celibato. Francesco ha sottolineato che il celibato è una ‘grazia’ e nessuna persona davvero intelligente rinuncerebbe a una grazia e che quindi la lettura da applicare al celibato non può essere meramente disciplinare. Non si tratta di una disciplina da applicare ai sacerdoti, ma è una grazia attraverso cui noi dobbiamo comprendere il significato del sacerdozio. Sull’ordinazione alle donne invece Francesco, nel nostro colloquio, ha sgombrato subito il campo affermando che la discussione è chiusa perché l’ha chiusa lo stesso Giovanni Paolo II. Il Papa è profondamente d’accordo con il suo predecessore soprattutto nell’evidenziare il gran fraintendimento per cui lo spazio delle donne nella Chiesa debba essere legato al ministero sacerdotale inteso come un esercizio di potere. Secondo Francesco, se consideriamo il sacerdozio solo come un esercizio di potere c’è qualcosa che non sta funzionando. Se è vero che c’è ancora molto da fare per dare spazio al genio femminile all’interno del vissuto della Chiesa, per lui sovrapporre queste due questioni è assolutamente pericoloso. Nella sua prospettiva, pensare che soltanto il sacerdozio possa dare l’opportunità alle donne di avere uno spazio all’interno della Chiesa significa fraintendere, ad esempio, il ruolo di Maria o della Maddalena o di tutti i personaggi femminili che popolano il Vangelo.

da vaticannews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *