Crea sito

Preti sposati / Se non si rinnova la Chiesa muore

Come pochi sanno – nel mondo esistono migliaia di preti cattolici regolarmente sposati: appartengono alle Chiese cattoliche di rito orientale (per esempio, in Italia, le eparchie di Piana degli Albanesi in Sicilia e di Lungro in Calabria e l’abbazia territoriale di Grottaferrata in Lazio).
Come molti dimenticano – la Chiesa cattolica è solo una delle tante chiese cristiane (oltre quelle ortodosse bizantine e slave, vi sono chiese di origine medievale come i valdesi; riformate nel solco di Lutero, Calvino e Zwingli; anglicane; battiste; metodiste; locali o evangelicali…): ebbene, tutte queste chiese cristiane (tranne la cattolica) prevedono la possibilità che accedano al ministero pastorale anche uomini sposati (in molti casi anche donne).

Il cardinale Carlo Maria Martini, già arcivescovo di Milano, lo ha dichiarato prima di morire: “La Chiesa cattolica è indietro di almeno duecento anni”.

Papa Bergoglio ha ripreso e rilanciato recentemente, in un’omelia, l’allarme di  Martini. Ma per ora le resistenze intra-ecclesiali sembrano davvero consistenti. E, fuori dai templi, politici e intellettuali di orientamento tradizionalista-conservatore tifano per chi vuole boicottare i cambiamenti anche minimi di Francesco. (zerezeronews)

Il teologo domenicano Ignace Berten: “Gli abusi clericali non sono soltanto di natura sessuale, ci sono anche quelli di potere e di coscienza. All’origine degli scandali c’è la sacralizzazione del potere”. E sul sacerdozio dice: “Il prete dovrebbe poter essere un uomo o una donna, celibe o sposato, per tutta la vita o a tempo determinato”. (Micromega)

Pubblicato da

Movimento Internazionale Sacerdoti Sposati Per informazioni scrivi a ufficio.press@yahoo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *