Se l’intrattenimento diventa lo specchio fedele del Paese

Se l'intrattenimento diventa lo specchio fedele del Paese

Alcuni programma tv nell’ultimo periodo hanno trattato del tema dei preti sposati con opinionisti e conduttori impreparati che hanno presentato erroneamente al grande pubblico la normativa ecclesiastica in vigore (ndr).

Capita raramente che un programma tv muova pesanti accuse a un altro programma. È successo anche questo. Domenica sera, a «Non è l’Arena» su La7, Massimo Giletti ha criticato Barbara d’Urso per aver ospitato nel suo studio di «Live – Non è la d’Urso» (Canale 5, lunedì) il cantante neomelodico Tony Colombo e la consorte Tina Rispoli, saliti alla ribalta per i presunti contatti con la malavita organizzata napoletana. Da alcune settimane, il sito di «Fanpage» propone un’interessante inchiesta su «Camorra Entertainment» dove i novelli sposi fanno la loro parte. La d’Urso non è nuova a polemiche per la disinvoltura con cui sceglie i suoi ospiti: Asia Argento e il giovane Jimmy Bennett, Pamela Prati e il fantomatico Mark Caltagirone, Adriano Panzironi, l’imprenditore che promette diete e anni di vita. L’altra sera ha scatenato un putiferio con la storia delle suore incinte (un suo cavallo di battaglia).

Ancora una vota il «salotto» si è trasformato in un cortile starnazzante: il giornalista Carmelo Abbate ha accusato la Chiesa di ogni nefandezza scatenando la reazione di Paolo Brosio e gli interventi di Flavia Vento, Serena Grandi, Manuela Villa, Suor Paola, Vladimir Luxuria e altri espertoni. È intervenuto persino Vittorio Sgarbi per ammonire la conduttrice: «Stai mettendo in scena lo sputtanamento della Chiesa». La d’Urso ha tenuto a precisare che va in chiesa e recita il rosario, se no chissà. Attraverso i talk, la tv ha perso i freni inibitori e mai come ora è specchio fedele del Paese. L’errore che commettiamo è quello di definire spazzatura, trash, questa tv. Forse dovremmo ammettere che è il nostro Paese a essere diventato trash, siamo noi trash. Quanti nostri parlamentari avrebbero potuto essere al posto di Brosio o della Vento o di Abbate! Si sarebbero espressi esattamente come loro, avrebbero visto nella d’Urso un faro, forti della loro capacità di inscenare solo sommari di decomposizione.

corriere.it

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *