Preti sposati un nuovo Concilio per riammetterli nella Chiesa

Il Movimento Internazionale dei Sacerdoti Sposati favorevole alla convocazione di un Concilio Vaticano III. Ma invita il Papa a tenere in considerazione le proposte emerse dal Sinodo Amazzonico estendendolo alla Chiesa intera. In particolare sui preti sposati chiede la riammissione di coloro che si sono dimessi e dopo la dispensa sposati. “Sono una grande risorsa per la Chiesa”.

“Un Sinodo universale” sul celibato. A chiederlo è uno dei 12 Circoli Minori del Sinodo per l’Amazzonia, di cui oggi sono state presentate – in una conferenza stampa in sala stampa vaticana – le relazioni, che sintetizzano le due tornate di lavori. In tutte le dodici sintesi è presente il tema dei cosiddetti “viri probati”, cioè dell’ordinazione sacerdotale di uomini sposati, riguardo al quale esistono in aula posizioni diversificate.

Di fatto la richiesta dell’ordinazione sacerdotale di uomini sposati che, con fede provata, curino con continuità la vita delle comunità cattoliche nella sconfinata Amazzonia, dove ci sono pochi sacerdoti, dove la ‘concorrenza’ degli evangelicals, e dove è diffusa l’istanza di un cattolicesimo che archivi definitivamente le tentazioni colonialiste del passato e accolga più pienamente la cultura indigena, trova ampio sostegno in seno al Sinodo sull’Amazzonia giunto oggi ad un momento di svolta (6-27 ottobre).

All’assemblea voluta da Papa Francesco i gruppi di lavoro hanno presentato le loro relazioni conclusive, che andranno ora discusse in plenaria e convergeranno poi nel documento finale che sarà votato il pomeriggio di sabato e sarà affidato al Pontefice per una sua decisione.

fonte: farodiroma.it

Precedente Preti sposati / Delegare le decisioni sul ministero dei sacerdoti sposati alle conferenze episcopali. Grande novità al Sinodo Successivo Afghanistan. Almeno 60 persone sono morte per una bomba

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.