Ferrara, il nuovo parroco? E’ vedovo e ha un figlio

Don Giuseppe Mangano è un prete vedovo e ha un figlio (foto Frignani)

Poggio Renatico (Ferrara), 14 ottobre 2019 – Il cardinale arcivescovo Matteo Zuppiha conferito la cura parrocchiale della comunità di Gallo, Malalbergo e Passo Segni a don Giuseppe Mangano. La particolarità dell’affidamento è che il nuovo parroco è nonno di tre nipoti, tutti arrivati dall’unico figlio maschio. Nessuno stravolgimento del diritto canonico e neppure una nuova emancipazione da parte del prelato che da una settimana ha ricevuto la porpora. Semplicemente don Giuseppe è rimastovedovo nel 2008 e da lì ha ripreso un percorso che lo ha portato ad ricevere il sacramento dell’ordinazione sacerdotale nel settembre 2018, dopo essere stato diacono permanente.

A 71 anni, quindi, per obbedienza, ha accolto la richiesta del suo arcivescovo di essere la guida di queste tre comunità. «Questa responsabilità – ha spiegato don Mangano – consiste nel vivere la paternità in modo diverso». Nel presentarlo alle tre comunità Zuppi non sfiora minimamente il problema, perché questa non è l’unica situazione analoga in regione. Il tema vero, invece, è quello del camminare insieme, una esigenza che non nasce solo dal calo delle vocazioni, ma è una precisa indicazione anche di Papa Francesco. Nelle realtà di Gallo e Passo Segni don Mangano sostituirà don Stefano Zangarini, destinato alla parrocchia del Corpus Domini di Bologna, e don Enzo Mazzoni a Malalbergo. Monsignor Zuppi incontrerà presto le due parrocchie ferraresi per ribadire quanto sia stato ricco il ministero di don Zangarini e che, però, era arrivato il tempo del cambiamento.

Il Resto del Carlino

Precedente Il Papa accetta le dimissioni di Giani. Timori di un nuovo Vatileaks Successivo La suora svizzera che vuole porre fine al celibato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.