Preti sposati al centro della riforma della Chiesa a partire dal Sinodo Amazzonico

Per il Movimento Internazionale dei Sacerdoti Sposati fondato nel 2003 da don Giuseppe Serrone non è solo una questione legata a l Sinodo quella dei preti sposati (da distinguere rispetto alla questione dei “viri probati”).

I preti sposati con dispensa e matrimonio religioso esistono e sono già pronti ad entrare in servizio (non hanno bisogno di lunghi anni di formazione teologica prima del sacerdozio!). Lo ha affermato il Movimento dei preti sposati diffondendo le tesi del cardinale Hummes, e il commento del teologo brasiliano Leonardo Boff pubblicate da vita.it.

 Proposte avanzate dal cardinale brasiliano Claudio Hummes, relatore generale del Sinodo Panamazzonico, nella sua presentazione dell’Istrumentum laboris, avvenuta nella prima Congregazione generale dell’Assemblea speciale del Sinodo aperto lunedí mattina da papa Francesco e che proseguirà fino al 27 ottobre, sul tema “Amazzonia: Nuovi Cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale”.

Sintetizzando, il cardinale Hummes ha proposto “per la dinamica dei lavori di questa assemblea sinodale, alcuni nuclei generativi: a) la Chiesa in uscita in Amazzonia e i suoi nuovi cammini; b) Il volto amazzonico della chiesa: inculturazione e interculturalità in ambito missionario-ecclesiale; c) La ministerialità nella chiesa in Amazzonia: presbiterato, diaconato, ministeri, il ruolo della donna; d) L’azione della Chiesa nel prendersi cura della Casa Comune: l’ascolto della Terra e dei poveri; ecologia integrale ambientale, economica, sociale e culturale; e) La Chiesa amazzonica nella realtà urbana; f) La questione dell’acqua.

Il teologo brasiliano Leonardo Boff, in una recente intervista ha affermato: “Il Papa Francesco ha una immensa libertà interiore e coraggio per aprire nuovi cammini. Io penso che saranno consacrati veri presbiti indigeni. Io appoggio il vescovo Erwin Kräutler, amico del Papa, che sostiene di ordinare anche delle donne. Lui dice che, nella sua diocesi, una delle più grandi del mondo, presso il fiume Xingu, le donne fanno tutto quello che un sacerdote fa. Perché non permettere anche l’ordinazione presbiterale per le donne? I grandi teologi come Karl Rahner e Luigi Sartori hanno scritto che non c’é nessun dogma o dottrina che impedisce di fare questo passo. Tutte le altre chiese lo hanno già fatto, anche gli ebrei. La chiesa cattolico-romana non può restare un’isola di patriarcalismo e di anti-femminismo. Lo Spirito sospinge la Chiesa ad assumere, per amore ai popoli più reconditi del mondo, questa decisione”, conclude Boff.

Il vescovo Kräutler ha trascorso decenni a combattere per i diritti dei popoli indigeni della regione del fiume Xingu, nell’Amazzonia brasiliana, oggi minacciata dalla gigantesca diga di Belo Monte. Per questo suo impegno è stato più volte minacciato di morte, ha subito un attentato che è costato la vita di un suo collaboratore, padre Salvatore Deiana di Ardauli (Sardegna), e da oltre 15 anni deve ricorrere ad una scorta per la propria sicurezza.

Ricordo che conobbi il vescovo Erwin Kräutler durante un viaggio di europarlamentarie verdi austriache e francesi nel 2013, oggi é membro della Commissione di informazione del Sinodo Panamazzonico, ispiratore della Teologia della Liberazione, nata nella Conferenza di Medellin di agosto 1968 (documentata da VITA nello speciale La teologia latinoamericana 50 anni dopo Medellin continua sulle orme di Francesco – e anche Papa Francesco e quegli auguri al fondatore della teologia della liberazione ).

Per questi motivi, né Suor Alba Cediel Castillo, né il vescovo Krautler, neppure il Cardinale Hummes Claudio, sono comunisti o marxisti, solo… ascoltano il clamore de loro popolo.

Precedente Né Papa Francesco, né Suor Alba Cediel Castillo, né il vescovo Krautler, neppure il Cardinale Hummes Claudio, sono comunisti o marxisti perchè chiedono preti sposati, solo… ascoltano il clamore de loro popolo Successivo Kuala Lumpur e Tbilisi prossime Capitali mondiali del libro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.