Amazzonia in tempo crisi suore supplenti dei preti, servono i preti sposati

Suore per così dire ‘sacerdotesse’ che in Amazzonia battezzano bambini, uniscono coppie in matrimonio e ascoltano confessioni “senza potere dare l’assoluzione”. E’ il racconto della supplenza ai sacerdoti che scarseggiano in Amazzonia di suor Alba Teresa Castilla, membro Uisg delle missionarie di Maria Immacolata e di SS. Caterina da Siena. “Quando il prete non è presente – ha raccontato la suora nel corso del briefing dedicato alla maratona sinodale – noi battezziamo, sposiamo anche. Abbiamo anche ascoltato le confessioni senza potere dare l’assoluzione ma ci siamo messe in ascolto. Lo facciamo noi missionarie, come pure altre Congregazioni presenti nella foresta amazzonica“.

Per il Movimento Internazionale dei Sacerdoti sposati, le suore non bastano occorre reintrodurre nel ministero i preti sposati con regolare percorso canonico “sono una grande ricchezza per la Chiesa”.

Precedente Sinodo Amazzonia 3 settimane per cambiare il volto della Chiesa con i preti sposati Successivo Sarah, il cardinale tradizionalista, responsabile congregazione Culto Divino, papabile al prossimo Conclave, contro i preti sposati, scrive contro il Papa ma dice di non essergli contro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.