I preti sposati e non solo i laici vanno coinvolti nel rilancio delle Parrocchie

In occasione della visita pastorale del vescovo in alta Vallemaggia, giro d’orizzonte sulla situazione nel comprensorio con le riflessioni del presidente dell’associazione degli enti cattolici locali. L’articolo di Barbara Gianetti Lorenzetti pubblicato su Corriere del Ticino

Per Fausto Rotanzi, presidente dell’associazione delle parrocchie della Vallemaggia in Canton Ticino, Svizzera «Se i preti continuano a diminuire, anche il loro ruolo trainante rischia di indebolirsi pericolosamente (e forse è già, in parte, successo). È dunque necessario trovare vie alternative, non certo per sostituirsi a loro, ma per fare in modo che altre persone possano in qualche modo contribuire a mantenere vive le realtà parrocchiali e comunitarie».

Ai Vescovi della Svizzera Italiana e a Papa Francesco il Movimento Internazionale dei Sacerdoti Sposati rilancia l’appello ad accettare la collaborazione dei preti sposati per animare le parrocchie senza preti.

Precedente DECRETO CLIMA, SCONTO DA 2MILA EURO PER LA ROTTAMAZIONE Successivo Oltre 200 milioni di indennizzi per lo scandalo pedofilia. È la somma versata dall’arcidiocesi di Chicago alle vittime di abusi sessuali perpetrati dai religiosi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.