Stuprata, incinta e torturata: le donne come bottino di guerra sotto Pinochet

contropiano – elpais.es

(Rocío Montes) 46 anni dopo il colpo di stato contro Allende il libro “Così si torturò in Cile (1973-1990)” include i passaggi più difficili del rapporto ufficiale che ha portato alla luce le atrocità del regime militare. Quasi tutte le donne che furono torturate in Cile dopo il colpo di stato dell’11 settembre 1973 – 46 anni fa – subirono violenze sessuali, a prescindere dall’età. Almeno 316 furono violentate di cui 11 in gravidanza. Sul numero totale di vittime che hanno testimoniato davanti alla Commissione nazionale di prigione politica e tortura tra il 2003 e il 2004, il 12,5% erano donne (3.399). Tra loro, 229 aspettavano un figlio ed alcune lo persero; altre partorirono dopo essere state violentate dai loro torturatori e molte di loro subirono torture sessuali sofisticate e ricorrenti che includevano aggressioni fisiche e molestie in cui erano coinvolti genitori e fratelli. 

Precedente Preti sposati una esigenza nella Chiesa Successivo Il ragazzo, la donna e il vecchio poeta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.