Vescovo tradizionalista di Cl di Reggio Emilia propone laici per le parrocchie senza preti. Camisasca paladino del no ai preti sposati

Voltafaccia teologico di Camisasca che qualche anno fa al Meeting di Rimini si era schierato per i preti sposati (ndr). Ha tolto lavoro nelle scuole ai preti sposati per far insegnare i membri della sua fraternità sacerdotale di CL. Vergogna! Ha reso la vita difficile anche a famiglie di preti sposati allontanandoli dalle parrocchie. Ora si fa paladino dell’affidamento delle case canoniche ai laici!!!

Di seguito stralci del suo discorso dell’8 Settembre a Reggio Emilia pubblicato da La Gazzetta di Reggio:

“Un messaggio tradizionalista di immobilismo quello del vescovo Camisasca durante la celebrazione della Madonna della Ghiara. A fronte di tante parrocchie rimaste ormai da anni senza un prete stabile, le attività della chiesa potranno essere guidate da laici o da diaconi, che ovviamente non andranno a sostituirsi ai preti nelle loro attività esclusive ma che potranno proporre e guidare attività di preghiera, coordinare la catechesi e gli oratori, senza considerare la conservazione e la cura delle chiese e degli edifici ad esse collegate. Nessuno potrà candidarsi, si potrà solo dare la propria disponibilità. Il vescovo, a fronte della crisi vocazionale, ha ribadito il valore del celibato del clero, «strada verso un’esistenza interamente donata»”.

tratto da Gazzetta di Reggio

Precedente Cardinale tradizionalista Sarah Responsabile vaticano Congregazione Culto Divino attacca riforma della Chiesa sui preti sposati Successivo Abusi sessuali, la Chiesa ammette le responsabilità

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.