LA CORTE UE CONDANNA L’ITALIA PER L’EMERGENZA XYLELLA

ansa

‘NON APPLICÒ MISURE EUROPEE PER TAGLIO PIANTE MALATE’ L’Italia non ha applicato le misure obbligatorie Ue per impedire il diffondersi del batterio vegetale da quarantena xylella fastidiosa, responsabile del disseccamento rapido degli ulivi in Puglia. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue, che ha accolto il ricorso della Commissione Ue contro ritardi e mancanze nelle ispezioni e nell’abbattimento delle piante infette da parte delle autorità nazionali. Si tratta di una condanna per primo inadempimento, che prevede solo il pagamento delle spese processuali. 

Precedente A VENEZIA È IL GIORNO DI SAVIANO E ROSI Successivo LA PATENTE DI GUIDA RINCARA E COSTERÀ QUASI 1000 EURO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.