Pedofilia: a Roma spunta murales con card. Pell in manette Vicino alla Città del Vaticano, in via Gregorio VII

ansa

Un grande murales con il cardinale George Pell in manette è spuntato a Roma, vicino al Vaticano, in via Gregorio VII. Il cardinale, ex Prefetto dell’Economia vaticana in carcere in Australia condannato in primo grado per pedofilia e in attesa del verdetto di appello, è ritratto con un grande diavolo alle spalle.

Alcol, droga e abusi sessuali: parroco ai domiciliari a Verbania

Agli arresti domiciliari, ha scelto di non rispondere alle domande del giudice. Da Piacenza, dove è stato arrestato per gravissime accuse di violenza sessuale, don Stefano Segalini è stato condotto a Verbania. È ospite di una struttura protetta per sacerdoti della città. Ieri il 42enne religioso emiliano s’è presentato in Tribunale a Verbania per l’nterrogatorio di garanzia. Assistito dal suo avvocato, non ha detto nulla, avvalendosi della facoltà di non rispondere e tornando successivamente nella casa dove sconterà la misura preventiva dei domiciliari.

Il caso è balzato agli onori delle cronache a inizio mese, quando sono arrivate a una svolta le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Piacenza, delegata dalla locale Procura ad accertare le denunce sporte nei mesi scorsi da alcuni ragazzi –tutti maggiorenni– gravitanti attorno alla parrocchia che avrebbero subito abusi sessuali dopo essere stati indotti a uno stato di incapacità attraverso alcol e doga. È da maggio che il vescovo ha sospese don Segalini, rimuovendolo dalla parrocchia di San Giuseppe Operaio, una delle più grosse di Piacenza. Parallelamente al procedimento canonico è partita l’indagine penale che ha portato all’arresto del parroco.

Azzardi maldestri (e sfortunati) contro il Papa e contro la realtà

Avvenire

di Gianni Gennari

Sabato “fake” su “La Verità” ( 10/8 p. 1 e int.) – per un’intervista di papa Francesco a “La Stampa” (8/8) il sommario stralunato di Mario Giordano conclude così: «Gesù? Non pervenuto»! Il Papa ometterebbe di citare Dio, fede, Vangelo e vita eterna per andare appresso a certe tendenze per cui – accusa sciagurata di questi giorni – «la sociologia sostituisce la teologia»… Allucinazioni polemiche, e tanto più a proposito del Vicario di Cristo, per qualcuno “colpevole di non benedire quel sovranismo che in qualche redazione va di moda. Di qui l’insulto, Che dire? Due cose. La prima è che nel testo dell’intervista al giornale torinese papa Francesco ribadisce la necessità di partire in ogni dialogo conservando la propria identità senza cedere a una lettura del reale che annulla tutte le altre, attitudine esibita da chi si richiama a ciò che oggi viene definito, appunto, sovranismo. La seconda è che quel polemista, ormai spesso incline all’azzardo maldestro, è davvero sfortunato. Domenica, infatti, papa Francesco all’Angelus ha commentato con appassionate parole il Vangelo del giorno (Lc 12, 32-48), ripetendo la necessità de «l’incontro a cuore a cuore con Gesù nella preghiera e nell’ascolto della sua Parola… pronti per l’incontro definitivo col Signore» perché «la vita è un cammino verso l’eternità», aggiungendo che «in questa prospettiva ogni istante diventa prezioso, per cui bisogna vivere e agire su questa terra avendo nel cuore la nostalgia del cielo». Volo in alto! Di più – e qui è l’essenza della vita alla luce di Cristo Redentore e Salvatore – «il pensiero dell’incontro finale con il Padre, ricco di misericordia, ci riempie di speranza, e ci stimola all’impegno costante per la nostra santificazione per costruire un mondo più giusto e fraterno». Poveri coloro che comunque pensano di potersi richiamare a un Vangelo svuotato di verità, di amore e di misericordia, non accolto con fede e trasformato, invece, in strumento di potere, magari invocando per sovrappiù il nome di Maria, colei che nel Magnificat ha cantato per nove volte la ”sovversione“ di Dio: incarnato in Gesù dalla parte degli ultimi!

CALCIO: SUPERCOPPA, STASERA LA FINALE LIVERPOOL-CHELSEA

ansa

ARBITRA UNA DONNA, E’ LA 35ENNE FRANCESE STEPHANIE FRAPPART Stasera a Istanbul si gioca la finale della Supercoppa europea tra Liverpool e Chelsea: arbitrerà la 35enne francese Stephanie Frappart. Europa League: oggi il Torino vola in Bielorussia per il ritorno del terzo turno preliminare contro lo Shakhtyor Soligorsk, in programma domani. Juventus: oggi a Villar Perosa la tradizionale amichevole tra squadre A e B. (ANSA).

FACEBOOK HA RACCOLTO CHAT AUDIO E LE HA FATTE TRASCRIVERE

ansa

SOCIAL SPIEGA: SOLO A UTENTI CHE LO AVEVANO GIA’ AUTORIZZATO Facebook ha raccolto i messaggi audio dei suoi utenti e li ha inviati a contrattisti esterni pagati per trascriverli. Il social media spiega di averlo fatto solo con quegli utenti che avevano optato per questa possibilità. Facebook però nella sua policy sull’uso dei dati privati non fa menzione della raccolta di dati audio e della loro successiva trascrizione. 

GENOVA, UN ANNO FA IL CROLLO DEL PONTE MORANDI

ansa

OGGI COMMEMORAZIONE 43 VITTIME. FAMILIARI CONTRO AUTOSTRADE Un anno fa alle 11:36 cadeva il ponte Morandi, uccidendo 43 persone: oggi Genova si ferma per la commemorazione delle vittime. Il sindaco Bucci ha dato a tutti “appuntamento è alle 10 nell’area della nuova Pila 9 del futuro viadotto sul Polcevera”. Presenti anche Conte, Salvini e Di Maio. Il comitato dei familiari delle vittime esprimerà il suo “dissenso per il fatto che Autostrade continui ad avere le concessioni”. 

A Ferragosto gusto easy, maxi piatto unico e ricette nonna

ansa

Da una parte il miraggio dell’abbuffata e della tavola delle ricorrenze, dall’altra la praticità del piatto unico perché col caldo e in vacanza pochi amano inchiodarsi in maratone gastronomiche. A Ferragosto, secondo una indagine di Cna Agroalimentare, trionfa la cucina della nonna ma il gusto si fa easy mandando in soffitta la scansione dei pasti in antipasto, primo, secondo e dessert. La “top ten” culinaria stilata dalla Confederazione dell’Artigianato e della Piccola e media impresa segnala un grande ritorno della lasagna, declinata anche come timballo o vincisgrassi, pasta al forno o sartù. Ore di preparazione ma può coprire il fabbisogno di un’intera giornata, se affiancata a verdure e/o frutta. A proposito di frutta, sottolinea ancora Cna Agroalimentare, tre connazionali su quattro considerano l’anguria l’alimento più adatto a combattere il caldo. Cocomero si chiama a Roma, melone d’acqua (o di fuoco) a Napoli e dintorni. Tra i piatti a base di carne, continua Cna, particolarmente apprezzati quest’anno: il vitello tonnato e il pollo con i peperoni. “Il pollo con i peperoni – dice il ristoratore Antonello Colonna – è di rigore, non solo a Roma. Si è diffuso dappertutto ed diventato una sorta di ‘foodstock’, un festival collettivo del cibo; un must come il tartufo ad Alba”. Il Sud risponde con la parmigiana di melanzane (o di zucchine) nelle diverse varianti di cottura: ortaggio dorato e fritto, semplicemente fritto, al forno. A dare un tocco di esotismo al 15 agosto è la paella, nelle diverse versioni miste (carne e/o pesce) o vegetariane. Secondo l’indagine Coldiretti/Ixè, l’81% degli italiani brama la grigliata. La maggioranza assoluta preferisce quelle a base di carne (49%), il 22% quelle miste, il 21% quelle di pesce mentre la percentuale dei vegetariani è l’8%. È stato L’Imperatore Augusto nel 18 a.C. a “inventarsi” il ferragosto (da feriae augusti), ricorda la Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, nello stilare la mappa dei piatti più amati: pietanze di sostanza in Trentino e Valle d’Aosta (canederli e Seupa à la Vapelenentse). In Lombardia il minestrone, nella versione fredda e più indicata ad agosto. In Veneto e in Liguria si vira sul pesce, con le sarde in saor e la capponadda, una fresca insalata di mare con tonno, acciughe, pomodoro e olive; piatto perfetto per marinai e pescatori. Friuli Venezia-Giulia ed l’Emilia Romagna puntano sulla pasta ripiena con i Cjarsons e i più classici cappelletti al ragù. In dolcezza i piemontesi, con la Margheritina di Stresa. In Toscana di rigore è il piccione arrostito, una tradizione nata in epoca carolingia. Nella vicina Umbria il piatto forte sono gli gnocchi al sugo di papera, mentre, nelle Marche troviamo l’oca arrosto. Anche in Molise un piatto piuttosto rustico con i cavatelli al sugo di maiale. Invece, a Roma come in tutto il Lazio, non è Ferragosto senza il pollo in umido con i peperoni, perfetto anche per gli amanti della “scarpetta” finale. In Campania domina la cosiddetta Pizza di Maccheroni. In Puglia un caposaldo della cucina italiana, le orecchiette con cime di rapa, mentre nella vicina Basilicata si ritorna sulla carne con l’agnello alla lucana. In Calabria ancora pasta, questa volta al forno. La pasta chijna (cioè ripiena) è un classico del pranzo della domenica o delle festività, come appunto il Ferragosto. Nelle isole maggiori festa dell’Assunta con i culurgiones di patate sardi, e il tipico Gelo di Melone siciliano. Quanto al dessert, secondo l’osservatorio Sigep di Italian Exhibition Group, di tendenza i sorbetti alcolici. In vetta ai gusti: anguria e rum e lime e vodka

Bel tempo a Ferragosto, ma senza la canicola

ansa

L’ondata di caldo intenso, che già si è attenuata nelle ultime ore al nord, finirà domani anche in gran parte del Sud, lasciando spazio a una seconda parte della settimana con caldo nella norma, temperature attorno alle medie stagionali e poca afa. Quella di Ferragosto sarà quindi una bella giornata soleggiata su gran parte d’Italia, ma senza la canicola soffocante dei giorni scorsi. Poi da domenica avrà inizio una nuova fase di caldo intenso, con punte anche oltre i 35 gradi al centro sud, senza raggiungere i picchi elevati della precedente ondata di calore. 

Intanto domani le temperature saranno in calo in gran parte del Paese, con una rinfrescata più sensibile al Nordest e al Centro-Sud, dove la Protezione civile ha emesso un’allerta gialla in cinque regioni per rischio temporali: Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna e su parte della Lombardia e delle Marche. 

Ma Ferragosto, assicurano gli esperti di Meteo Expert, sarà bel tempo su gran parte d’Italia, con temperature in ulteriore calo al Sud: massime in generale comprese fra 26 e 32 gradi e afa debole o del tutto assente. Al mattino, precisano gli esperti, avremo “una prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso, con qualche nuvola innocua in più solo sulle Alpi. Nel pomeriggio ci sarà un temporaneo aumento della nuvolosità su zone alpine e Appennino Centrale e Meridionale, con isolati rovesci e temporali sulle Alpi Orientali; sempre in prevalenza soleggiato nel resto d’Italia”. 

“Nell’ultima parte della settimana avremo giornate piene di sole, con un po’ di nuvolosità pomeridiana solo sui rilievi della Penisola. Poi, le temperature tenderanno di nuovo gradualmente a salire, specie domenica quando il caldo tenderà a divenire di nuovo intenso al Centro-Sud e nelle Isole, soprattutto in Sardegna, dove venti di Scirocco favoriranno anche punte sopra 35 gradi”. Solo sulle Alpi centro-occidentali, precisano i meteorologi, l’avvicinamento dalla Francia di una perturbazione potrebbe determinare qualche sporadico rovescio o temporale. 

Con domenica, tuttavia, avrà inizio una nuova fase di caldo intenso, che interesserà la prossima settimana gran parte dell’Italia, specie le regioni centro-meridionali, dove torneremo ad avvicinarci a punte anche ben oltre i 35 gradi. Si profila quindi la quinta ondata di calore dell’estate. 

Intanto è già iniziata la conta dei danni causati dall’ondata di maltempo che ha colpito il Nord Italia dove fienili, fabbricati e coltivazioni sono stati devastati da tornado e grandine. Secondo un primo monitoraggio della Coldiretti per la verifica delle condizioni di richiesta dello stato di calamità, i danni ammonterebbero a diversi milioni di euro. 

In Lombardia, precisa l’associazione, tornado si sono abbattuti nel Milanese e nel Bresciano, distruggendo un fienile e scoperchiando i tetti dei fabbricati oltre a spianare campi di mais. Sempre in Lombardia la grandine si è abbattuta sulle coltivazioni di riso, sulle vigne e sugli uliveti, ma gravi danni si rilevano anche in Piemonte, dove ad essere colpiti da chicchi grandi come albicocche sono stati uva, mais e girasole. (ANSA).

A HONG KONG PROTESTE E SCONTRI, LA POLIZIA NELL’AEROPORTO

ansa

L’ONU CHIEDE UNA INDAGINE. CINA, NON VOGLIAMO INTERFERENZE Scontri violenti tra i manifestanti all’aeroporto di Hong Kong e le forze di polizia, intervenute sul posto per disperdere i manifestanti che da giorni occupano lo scalo. Cancellati tutti i voli dello scalo rimasti in programma per oggi. E’ il secondo giorno di cancellazioni di partenze e arrivi, dopo quelle di ieri. Carrie Lam esorta ad ‘evitare l’abisso’. L’Onu chiede un’indagine sulle azioni della polizia. E la Cina risponde: non vogliamo interferenze