MATTARELLA FIRMA SICUREZZA BIS, MA AVANZA ANCHE DUE RILIEVI ‘IRRAGIONEVOLI LE SANZIONI’. ‘OBBLIGO DI SALVARE I NAUFRAGHI’

La Sicurezza bis è legge. Il Capo dello Stato Mattarella ha firmato il decreto licenziato dal Parlamento ma ha fatto due profili che ‘suscitano rilevante perplessità’ con una lettera ai presidenti di Camera e Senato. Il primo rilievo riguarda i naufraghi per i quali rimane l’obbligo dei naviganti di salvarli e l’ammenda amministrativa che arriva fino a 1 milione di euro è così alta da essere paragonabile a una sanzione penale. Il secondo rilievo riguarda i dubbi sullo stop alla ‘tenuità del fatto’ che, spiega ‘impedisce al giudice di valutare la concreta offensività delle condotte’ e nel caso di oltraggio “solleva dubbi sulla conformità al nostro ordinamento e sulla ragionevolezza nel perseguire in termini così rigorosi condotte di scarsa rilevanza’.

Precedente LA CRISI DI GOVERNO, LA SECCA RISPOSTA DI CONTE A SALVINI Successivo PAURA IN RUSSIA, FIAMME NELLA BASE DEI SOTTOMARINI ATOMICI