CARABINIERE UCCISO: UNO DEI DUE AMERICANI FERMATI CONFESSA

ansa

AVEVANO RAPINATO UN PUSHER PER VENDICARSI DI UNA ‘TRUFFA’ Uno dei due ragazzi americani fermati ieri pomeriggio per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cercielllo Rega ha confessato in tarda serata di essere stato lui ad uccidere a coltellate il carabiniere. Secondo quanto ricostruito il presunto omicida ed il suo amico avevano rapinato un pusher a Trastevere per ‘vendicarsi’ della truffa subita dopo aver acquistato aspirina invece della cocaina. 

Precedente Save the Children. Tratta e sfruttamento in Italia: in crescita lo sfruttamento sessuale Successivo Cultura / La necessità di amare trova una strada a dispetto di tutto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.