Mauritius, il paradiso fiscale dell’Oceano Indiano


Rivista Africa 

Dopo i Panama Paperse i Paradise Papers, il consorzio internazionale dei giornalisti investigativi ha pubblicato ieri, martedì 23 luglio, iMauritius Leaks. Si tratta di 200mila documenti, inviati in forma anonima dallo studio legale internazionale Conyers Dill & Pearman, specialista in finanza offshore. Da essi emergono le pratiche delle società che sfruttano la bassa aliquota fiscale delle Mauritius per fuggire alle autorità fiscali dei loro Paesi di origine. 

Precedente Ucciso in strada Mark Bloomfield, assistente di Madre Teresa di Calcutta in India Successivo Arata chiedeva al cardinale Burke di raccomandare il figlio e Siri: gli affari della Lega all’ombra della Fondazione Sciacca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.