Vaticano assediato dai bagarini: business da 20mila euro al giorno


Il Messaggero 

(Laura Larcan) Basta uscire dalla metropolitana Ottaviano e l’esercito dei salta-fila è in piena attività. Dalla mattina alle prime ore del pomeriggio. Le postazioni sono ben presidiate. Uno, dieci, venti, cinquanta, settanta, la conta sale man mano ci si avvicina alle mura del Vaticano, fino al Passetti di Borgo e al colonnato della basilica dove spicca lo schieramento di bagarini.

Precedente Anniversario. Borsellino: via D'Amelio, non solo memoria ma anche lotta per la verità Successivo I vescovi giapponesi in vista della commemorazione dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. Pace senza armi nucleari