Turismo. Enit, Piano triennale attento a sviluppo e occupazione

Nel 2018 il Pil è stato pari a 232 miliardi di euro (13,2% del Pil totale), con 3,5 milioni di occupati (14,9% del totale)

Enit, Piano triennale attento a sviluppo e occupazione

Avvenire

«A settembre partirà il tavolo di lavoro per le professioni turistiche, perché vogliamo rinnovarle, e poi promozione e tante iniziative, il 2020 sarà l’anno dell’amicizia Italia-Cina nel turismo». Così il ministro dell’Agricoltura e del Turismo Gian Marco Centinaio, durante la presentazione con l’Enit della nuova strategia dell’Italia con il Piano triennale del turismo 2019-2021. Un settore trainante per l’economia del nostro Paese. Nel 2018 il Pil prodotto dal settore turistico è stato pari a 232 miliardi di euro (13,2% del Pil totale), con 3,5 milioni di occupati (14,9% dell’occupazione). E con una previsione a dieci anni di un aumento del Pil dell’1,7% (268,8 miliardi di euro) e +1,3% di occupati. Uno degli obiettivi del prossimo triennio, comunque, è la crescita del 10% annuo del saldo positivo della bilancia dei pagamenti tra le spese sostenute dai turisti che vengono in Italia dall’estero e gli italiani che si recano fuori i confini. Un contributo può arrivare anche dai 600 eventi messi in campo in tutto il mondo per promuovere l’Italia all’estero. Enit – che a novembre festeggia i 100 anni di attività – punta su tre categorie per far crescere le presenza: famiglie, millennials e turismo specialistico, che va da quello legato ai percorsi in bici alle immersioni in mare. 

«Il nostro Paese ha una bilancia dei pagamenti del turismo che segna 42 miliardi di euro di incoming e 25 di outgoing, il saldo positivo ogni anno è di circa 16 miliardi, l’obiettivo è farlo crescere stabilmente del 10% per ogni anno nei prossimi tre – ha spiegato il presidente Enit Giorgio Palmucci -. Ci sono mercati più maturi come i Paesi europei che già ci conoscono e a cui vogliamo far apprezzare i luoghi meno noti, che però contengono il 60% dei siti Unesco. In altri Paesi come Cina, India e in quelli del Sud America lavoriamo innanzitutto per far conoscere l’Italia e le sue destinazioni». In termini di presenze estere l’Italia, con oltre 216,5 milioni di pernottamento nel 2018 (+2,8), supera la Francia (140 milioni di notti) e cresce a differenza della Spagna nel 2018 che pur essendo prima nel confronto europeo con 301 milioni di pernotti segna una flessione dell’1,6%. 

«Con il nuovo piano triennale Enit sarà in grado di indicare al meglio i mercati obiettivo potendo supportare l’azione del settore privato e contribuire allo sviluppo delle destinazioni turistiche del Paese – ha concluso Centinaio -. Il turismo è un settore determinante per la crescita dell’economia italiana, è destinato a rimanere uno dei driver per la nostra ripresa economica e per l’occupazione».

Precedente Inps. Tre milioni di assunzioni in cinque mesi, più contratti stabili Successivo BORSELLINO: CASELLATI, LIBERTÀ E GIUSTIZIA TRA SUOI IDEALI