Inps. Tre milioni di assunzioni in cinque mesi, più contratti stabili

Tre milioni di assunzioni in cinque mesi, più contratti stabili

da Avvenire

Nei primi cinque mesi del 2019 le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, sono state 3.005.000. Lo comunica l’Inps, specificando che rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, i contratti di apprendistato, stagionali e intermittenti. Sono invece in diminuzione i contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione. La variazione netta dei rapporti di lavoro (assunzioni e trasformazioni, a cui si sottraggono le cessazioni) nei cinque mesi è positiva per 693.342 contratti, di cui 328.044 contratti a tempo indeterminato. A maggio la variazione netta è di 32.639. Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi) risulta positivo e pari a +332.000, inferiore a quello registrato nel corrispondente momento alla fine di maggio 2018 (+473mila). Il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è passato da -30mila del maggio 2018 a +365mila, quello dei rapporti a tempo determinato è passato da +304mila a -157mila. Permangono positivi i saldi annualizzati delle altre tipologie di rapporti rilevati ad eccezione dei rapporti di somministrazione, che a maggio 2019 hanno evidenziato un saldo annualizzato pari a -10mila.

A giugno autorizzate 27,6 milioni di cassa integrazione (+42,6% su anno)
Nel mese di giugno 2019 il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 27,6 milioni, in aumento del 42,6% rispetto allo stesso mese del 2018 (19,3 milioni). Le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a giugno 2019 sono state 8,1 milioni. Un anno prima, nel mese di giugno 2018, erano state 9,8 milioni: di conseguenza, la variazione tendenziale è pari a – 17,2%. In particolare, la variazione tendenziale è stata pari a -8,4% nel settore Industria e -37,3% nel settore Edilizia. La variazione congiunturale registra nel mese di giugno 2019 rispetto al mese precedente un decremento pari al 6,0%. Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate a giugno 2019 è stato pari a 18,8 milioni, di cui 5,2 milioni per solidarietà, registrando un incremento pari al 99,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che registrava 9,4 milioni di ore autorizzate. Nel mese di giugno 2019 rispetto al mese precedente si registra una variazione congiunturale pari al +13,9%. Gli interventi in deroga sono stati pari a circa 0,6 milioni di ore autorizzate a giugno 2019 registrando un incremento del 451,7% se raffrontati con giugno 2018, mese nel quale erano state autorizzate 0,1 milioni di ore. La variazione congiunturale registra nel mese di giugno 2019 rispetto al mese precedente un incremento pari al 1.953,0%. 

Precedente Rilanciare libri e lettura: ben venga la nuova legge Successivo Turismo. Enit, Piano triennale attento a sviluppo e occupazione