Preti sposati per combattere il drastico calo dei parroci in Italia

Famiglia Cristiana ha dedicato a questo argomento un ampio focus. Il Movimento Internazionale dei Sacerdoti Sposati, fondato nel 2003 da don Giuseppe Serrone ha commentato i dati diffusi dal settimanale cattolico: “Celibato e viri probati sono questioni separate dalla riaccoglienza nel ministero dei preti sposati che hanno un percorso regolare previsto dal Diritto Canonico”.

Di seguito l’articolo di Famiglia Cristiana:
In Vaticano si avvicina il Sinodo sull’Amazzonia e la discussione sul celibato sacerdotale e la eventuale possibilità di ordinare uomini sposati di provata fede, i cosiddetti viri probati, fa affiorare anche in Italia una riflessione sul drastico calo dei parroci dovuto alla mancanza di vocazioni. 

“Sono 42.220 i sacerdoti attivi in Italia: uno ogni 1.487 abitanti. Il loro numero è in calo: nel decennio 2006 – 2016, per limitarci a uno dei tanti indicatori possibili, i seminaristi sono scesi del 18,6 per cento. I 372 presbiteri ordinati l’anno scorso non bastano a prendere il posto di quelli deceduti. 

Preti sposati per combattere il drastico calo dei parroci in Italia

Un viaggio da Nord a Sud per raccogliere le storie, di chi, giovane, è stato appena ordinato, di chi invece ha cent’anni esatti e da 75 esercita il ministero, e di chi, infine, don Nicola Pacetta, vedovo, padre e nonno, è diventato sacerdote a 73 anni. 

Don Michele Gianola, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale delle vocazione della Cei, invita ad andare oltre i numeri, pur importanti, e sprona tutti a cambiare prospettiva: «Chi tra noi adulti intende la vita come vocazione? Chi pensa davvero che le nostre scelte quotidiane sono da vivere nella relazione con Dio? Quanti invece ritengono che la “vocazione” riguardi soltanto i preti e le suore e che non abbia molto a che fare con la vita?». C’è da preoccuparsi per il calo delle vocazioni? «Non bisogna farne un dramma», conclude don Gianola: «Gli ordinati sono ben consapevoli delle sfide quotidiane»”.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *