Crea sito

Papa: in diretta su Tv2000 la messa per i migranti nella Basilica di San Pietro. Lunedì 8 luglio ore 11

Vaticano
Tv2000

Tv2000, in collaborazione con Vatican Media, lunedì 8 luglio alle ore 11 trasmette in diretta la messa celebrata da Papa Francesco nella Basilica di San Pietro in occasione del VI anniversario della visita a Lampedusa. Alla celebrazione partecipano circa 250 persone tra migranti, rifugiati e quanti si sono impegnati per salvare la loro vita. Alla Messa, presieduta dal Papa all’Altare della Cattedra, prendono parte le persone invitate dalla Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, a cui il Papa ha affidato la cura dell’evento.

La denuncia di Mathieu al Papa: “Il Nunzio è noto molestatore”

Francia

Il Fatto Quotidiano

(Stefano Citati e Carlo Tecce) Il franceseMathieu de La Souchère è appena sbarcato a Roma. Non è in vacanza. Mathieu ha 27 anni, una carriera già robusta, un incarico di prestigio al cerimoniale del Comune di Parigi. Appoggia il telefono sulla scrivania, non ha appunti né foglietti, va a memoria con estrema accortezza, chiede un sorso d’acqua, fa un cenno col capo per confortare l’avvocato che l’assiste nelviaggio in Vaticano e racconta di quel giorno di gennaio quando il fato l’ha caricato di una grossa responsabilità: denunciare le molestie sessuali di monsignor Luigi Ventura, nunzio apostolico in Francia, e rompere con la sua voce ferma l’omertà che per anni ha ingabbiato altre presunte vittime del prelato.

Migranti, il Papa celebra la messa “Per Dio nessuno è straniero”

Vaticano
repubblica.it

(Paolo Rodari) Nella basilica di San Pietro ci sono 250 tra rifugiati e volontari che li assistono. La celebrazione a sei anni dalla visita del pontefice a Lampedusa. “A tutti sia data una casa e una patria”. Il coro vestito di nero in segno di lutto. La messa inizia con qualche minuto d’anticipo. All’altare della Cattedra, nella basilica di San Pietro, Francesco presiede la Celebrazione eucaristica in occasione del VI anniversario della visita a Lampedusa (8 luglio 2013). Il coro, vestito di nero in segno di lutto per i migranti morti in mare, canta il “kyrie eleison” mentre il Papa chiede di guardare “con amore i profughi e gli oppressi”