Polonia: mea culpa vescovi su pedofilia, proviamo vergogna

I vescovi polacchi riconoscono di non aver fatto abbastanza per prevenire gli abusi degli ecclesiastici sui minori, sostenendo di “non avere parole” per descrivere la loro vergogna per le violenze di cui sono stati protagonisti preti.

Il dibattito sulla pedofilia nella Chiesa cattolica polacca è stato acceso da un documentario, “Tell No One”, che è stato caricato su Youtube e che ha registrato in un solo mese 21 milioni di visualizzazioni.

Il primate di Polonia, l’arcivescovo Wojciech Polak, ha detto che la Conferenza episcopale polacca si è riunita per discutere il tema ed ha preparato una lettera che verrà letta domenica in tutte le chiese del Paese durante la messa. “Non ci sono parole per esprimere la nostra vergogna per gli scandali sessuali in cui sono coinvolti ecclesiastici”, comincia la lettera.

Precedente I preti in direzione ostinata e contraria Successivo Vescovi italiani obbligati moralmente (ma non giuridicamente) a denunciare casi di abuso

Lascia un commento