La Chiesa cattolica, la seconda guerra mondiale e le vittime del nazionalsocialismo. Non basta contare i morti

I totalitarismi del XX secolo alla Gregoriana. C’è attesa per la proiezione al Festival di Cannes del nuovo film del regista Terrence Malick sulla vicenda del beato Franz Jägerstätter, messo a morte per essersi rifiutato di arruolarsi nell’esercito nazista. Se ne parlerà mercoledì 15 maggio presso la Pontificia Università di Roma dove saranno presentati due volumi: La Chiesa cattolica in Europa centro-orientale di fronte al Nazionalsocialismo 1933-1945 e Perseguitati per la fede. Le vittime del Nazionalsocialismo in Europa centro-orientale, entrambi curati da Jan Mikrut, docente alla Gregoriana e direttore della collana «Storia della Chiesa in Europa centro-orientale» edita da Gabrielli Editori. Le due opere chiudono la sezione sui totalitarismi del XX secolo della medesima collana, che annovera 5 volumi, con 220 contributi di 189 diversi autori, per un totale di oltre 5200 pagine. Pubblichiamo uno stralcio dell’introduzione al primo dei due volumi.

L’Osservatore Romano

Precedente L’appello del Consiglio delle Chiese del Medio oriente. Ripristinare la dignità umana Successivo L’Africa e la tragedia dei bambini soldato