Varsavia, 13 mag 12:58 – (Agenzia Nova) – I rappresentanti dei principali partiti politici polacchi hanno espresso la loro condanna per quanto denunciato nel documentario “Ma non dirlo a nessuno” (“Tylko nie mów nikomu”), pubblicato di recente su Youtube. Il documentario, prodotto dal giornalista Tomasz Sekielski, denuncia casi di abusi sessuali su minori da parte di sacerdoti. “Se queste cose stanno accadendo nella Chiesa, fa ancora più male. I sacerdoti sono spesso educatori di bambini; di chi dobbiamo fidarci, se non di un sacerdote o educatore religioso?”, ha domandato retoricamente il leader del Psl, Wladyslaw Kosiniak-Kamysz sottolineando che non si può restare indifferenti su questo argomento, indipendentemente dal fatto che la campagna elettorale sia in corso. “La campagna elettorale finirà ma il problema probabilmente rimarrà. Papa Francesco combatte da tempo in modo eroico la pedofilia all’interno della Chiesa, e deve essere un esempio anche per il clero polacco. Non c’è bisogno di far tante filosofie: tolleranza zero, applicazione della legge e nessuna clemenza”, ha aggiunto Kosiniak-Kamysz.  (Vap)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.