Serie A: Juve ko indolore, Inter vittoria con sorpasso

– La caduta degli dei fa rumore ma è indolore. Dopo la magica impresa contro l’Atletico Madrid, la Juve torna umana e subisce la prima sconfitta della stagione, dopo 24 vittorie e tre pari. Gode il Genoa e l’ex Sturaro che, insieme al vecchio pirata Pandev, creano la sorpresa, che non influirà sulla volata scudetto, ma ritarderà forse l’epilogo. Anche perché, il Napoli ci mette del suo, tornando al successo in casa contro l’Udinese per 4-2. Paura per un mancamento di Ospina, che in precedenza era stato colpito alla testa. L’Udinese fa il suo e, dopo lo 0-2 iniziale, pareggia, prima di arrendersi al poker dei partenopei.

Il derby di Milano, come di consueto, va alla squadra che non gode del favore del pronostico: cioè, l’Inter. Che, fin dalle prime battute, mette sotto i ‘cugini’ rossoneri. Il Derby della Madonnina è accesso, combattuto e offre anche scampoli di bel gioco: alla fine prevalgono i nerazzurri, reduci da un periodo di tracolli gravi e a volte anche inspiegabili. Vecino, poi De Vrij; sembra fatta, ma Bakayoko riaccende le speranze dei rossoneri che subiscono anche il rigore di Lautaro Martinez. Riescono ancora a riemergere con Musacchio, ma non basta. Anche perché, nel finale sprecano il 3-3 e si vedono sorpassare in classifica dai ‘cugini’.

In un turno pieno di gol, la Lazio guadagna posizioni in chiave Europa, approfittando dei ko di Roma e Torino e del pari dell’Atalanta. Troppo facile il trionfo sull’assopito Parma, già con quattro sul groppone dopo il primo tempo. Perde un’occasione d’oro l’Atalanta che si fa imporre il pari dal Chievo. Si infiamma la lotta per la salvezza, perché in tante avanzano: dopo la Spal e il Bologna, anche Genoa e Empoli fanno bottino pieno. I toscani, ringalluzziti dal ritorno del vecchio maestro Andreazzoli, spingono verso la B il Frosinone con un sofferto 2-1.

Paghi del trionfo sull’Atletico, i guerrieri bianconeri tirano il fiato. Ronaldo riposa, l’attacco non incide, il Genoa ha un feeling con le grandi: dopo il successo su Atalanta e Lazio, ecco lo scalpo più prezioso. Prandelli si toglie una grande soddisfazione: prima il Var annulla un rigore al Genoa e un gol alla Juve per fuorigioco. Poi l’affezionato ex Sturaro e l’esperto Pandev confezionano un 2-0 che fa salire il Genoa e riporta sulla terra, ma senza troppi danni, la Juve. E Il Genoa si conferma una bestia nera della Juve: dopo i successi del 2014, 2016 e 2018 e il pari dell’andata, ecco il 2-0 più eclatante e imprevisto.

La Lazio fa un solo boccone del Parma, dimentica il pari di Firenze, si porta a due punti dalla Roma con la partita contro l’Udinese da recuperare. In 22′ i biancazzurri vanno a segno quattro volte. Grande protagonista Luis Alberto che segna due gol (uno su rigore, su ingenuo mani di Iacopino) e fornisce l’assist a Lulic. La partita la sblocca però Marusic con un tiro sul suo palo che Sepe non sa fermare. Grande prova d’orchestra della Lazio contro un Parma incolore che trova il gol della bandiera alla fine con Sprocati. Molto più complicata del previsto la gara dell’Atalanta. Il Chievo, a dispetto dell’ultimo posto, combatte gagliardamente. I bergamaschi attaccano a tavoletta ma con poco lucidita’ e trovano il quarantenne Sorrentino in vena di prodezze. I veneti passano con una prodezza di Meggiorini, poi difendono bene, subiscono il pari di Ilicic ma il bunker resiste e l’Atalanta perde un’occasione Champions importante. Tre punti preziosi per l’Empoli che ritrova Andreazzoli dopo l’esonero di Iachini e attacca con caparbiertà, trovando due gol con Caputo su rigore e con Pajac. Il Frosinone reagisce, riduce le distanze con Valzania e le prova tutte per agguantare gli avversari. Ma il successo rilancia l’Empoli che supera il Bologna. (ANSA).

Precedente Tassa soggiorno: 2018 anno record, quasi 540 milioni Successivo ADDIO A MARIO MARENCO, RE DEL NONSENSE CON RENZO ARBORE