CARCERE PER IL REVENGE PORN SUL WEB, SI PREPARA LA LEGGE

ansa

Carcere da 6 mesi a 3 anni per chi posta sul web immagini di revenge porn. E’ una delle misure nelle proposte di legge su cui il Parlamento è al lavoro dopo il caso della deputata M5s Giulia Sarti. La Polizia Postale fa sapere che nessun nuovo video è stato diffuso in rete. ‘Uno schifo’, ‘una vicenda disgustosa’, dicono Di Maio e Salvini- Il Garante invita i media a non fare come i social.

 

 

Precedente SÌ AL RINVIO DELLA BREXIT, BOCCIATO IL REFERENDUM BIS Successivo TAJANI SI SCUSA DOPO LA BUFERA PER GLI ELOGI A MUSSOLINI

Lascia un commento