Anglicani sono preti cattolici con mogli e figli ma i preti sposati ancora discriminati

Il Vaticano riammette i sacerdoti anglicani convertiti nella Chiesa Cattolica Romana con mogli e figli, ma discrimina i preti sposati che hanno un percorso di dimissioni, dispensa e matrimonio religioso e sono ancora dentro la Chiesa.

“I vertici vaticano ci consentano di celebrare Messa per i bisogni dei fedeli e ci riaccolgano nelle parrocchie senza parroci” è l’appello che il Movimento Internazionale dei sacerdoti sposati, fondato nel 2003 da don Giuseppe Serrone,  rivolge al Papa, ai Cardinali e ai Vescovi.

Precedente TURCHIA: CROLLO PALAZZO A ISTANBUL, I MORTI SALGONO A 21 Successivo Clero e abusi: colpe e rimedi della teologia morale. Ma la riforma chiesa suggerisce i preti sposati