Formula 1. Alfa Romeo da sponsor a squadra ufficiale

Alfa Romeo da sponsor a squadra ufficiale

Da semplice sponsor a squadra ufficiale. In 12 mesi la trasformazione della Sauber F.1 Team in Alfa Romeo Racing si completa e con essa nasce una nuova squadra dal grande nome: Alfa Romeo in prima persona torna a farsi carico degli impegni agonistici nella massima formula. E’ la conclusione di un progetto partito da lontano con Sergio Marchionne, che aveva una visione tale da riportare al vertice di immagine e prodotto Alfa Romeo, la Casa dei primi titoli mondiali di Formula 1, il marchio che negli anni ha dato il via alla leggenda e alla storia della Ferrari stessa, che era partita proprio gestendo auto del Biscione.

Dopo gli ultimi titoli mondiali prototipi, nel 1975 e 1977, Alfa Romeo si era cimentata del DTM, il turismo tedesco, vincendolo alla grande davanti ai colossi locali come Mercedes. Una fugace apparizione nelle corse Indy in America e poi il silenzio rotto ogni tanto da qualche incursione. Fino al ritorno del Quadrifoglio sulle carrozzerie delle Ferrari F.1 e poi il ritorno, prima come sponsor della Sauber, adesso con la nascita di Alfa Romeo Racing.

Anche nel Mondiale 2019 resteranno due piloti di primo piano: Kimi Raikkonen, ex campione del mondo, e Antonio Giovinazzi, italiano che riporta il tricolore in F.1 dopo anni di assenza. Un ritorno fatto di fascino, di comunicazione a livello mondiale di un brand che coi suoi prodotti, vedi Stelvio e Giulia, si sta presentando a livello internazionale con le carte in regola per competere. E lo fa scegliendo la strada più difficile, quella in cui ogni settimana i riflettori del mondo intero sono concentrati su un circuito di F.1.

Dice Mike Manley, ceo di FCA: «Alfa Romeo Racing è una denominazione nuova che, tuttavia, può vantare una lunga storia di successo in Formula 1. Siamo orgogliosi di collaborare con Sauber nell’impresa di portare la tradizione di eccellenza tecnica e stile italiano, caratteristica del marchio Alfa Romeo, alle vette delle competizioni motoristiche. Non ci sono dubbi: con Kimi Räikkönen e Antonio Giovinazzi al volante e l’esperienza Alfa Romeo e Sauber, gareggeremo per dire la nostra».

Dal punto di vista tecnico ci sarà il supporto totale della Ferrari, con motori e cambi, ma anche lo sviluppo di tecnici che potranno mostrare il loro talento e spronare la ricerca per le rispettive squadre. Vincere il Mondiale sarà impossibile, imporsi in qualche gara un sogno. Di sicuro rivedere il nome Alfa Romeo in F.1 in prima linea è la vittoria più bella.

Precedente FRANCESCO AD ABU DHABI, IL PRIMO PAPA NELLA PENISOLA ARABA Successivo Papa Francesco prega per la compagna del prete Leonardo Boff ma dice ancora no ai preti sposati