Chiamare a celebrare Messa i preti sposati per la carenza di preti

Preti sposati
Una domanda alla gerarchia: “suprema lex” della Chiesa è “la salvezza delle anime” oppure no?

dal sito ildialogo.org 
di Pietro Taffari, prete sposato

Qualcuno della “sacra” Gerarchia dovrebbe spiegare ai credenti cattolici perche’, in caso di numeroso afflusso di fedeli alla Cena del Signore, un parroco puo’ conferire “ad actum” (per quella circostanza) il mandato ad un laico di aiutarlo a distribuire la Comunione;
mentre un Vescovo (o un parroco ammalato) , in caso di carenza di preti, non puo’ “ad actum” chiamare un prete sposato a presiedere l’Eucarestia domenicale di una Comunita’ parrocchiale senza prete!
Ma la Chiesa non nasce, vive e cresce “de Eucarestia”?
E la “suprema lex” della Chiesa non e’ “la salvezza delle anime”?
Perche’ non fare questo piccolo passo, dettato dalla tanto decantata “carita’ pastorale”, in attesa dei…”viri probati”?
O i preti sposati non possono essere “una risorsa e un’opportunita’ “(+Giovanni D’Ercole) e devono rimanere scartati perche’ solo “buoni laici”? (papa Francesco).

Precedente Per la chiesa di Positano senza prete si offrono i preti sposati Successivo Riforma epocale nella Chiesa la riammissione dei preti sposati al ministero

Lascia un commento