Processo don Barone, il Vescovo Spinillo taceva sugli abusi del prete

Monsignor Angelo Spinillo ha testimoniato ieri al processo Barone, in qualità di persona informata dei fatti. Interrogato a proposito di esorcismi e abusi a carico del sacerdote aversano, il Vescovo ha riferito di essere stato allo scuro dei fatti fino al 2017. Una volta appreso delle pratiche deplorevoli messe in atto dal prete, lo avrebbe ammonito. Il Vescovo decise però di non parlare pubblicamente dei fatti, neanche dopo la lettera ricevuta dalla Diocesi irlandese di Ferns, che denunciava le pratiche insolite di Don Barone, dopo averlo visto all’opera a Medjugorje. “Perchè si sceglie sempre di confrontarsi con il prete, l’ho rimproverato in privato ordinandogli di sospendere le pratiche” – si è giustificato Spinillo.

internapoli.it

Precedente Abusi. Troppe cause per pedofilia, la diocesi di Guam chiede la bancarotta Successivo Milingo ricoverato in Ospedale per sospetta malaria