BOCCIA, ORA IL GOVERNO CORREGGA LA MANOVRA CON PIÙ CRESCITA

ansa

MA DI MAIO VA AVANTI, IL RAPPORTO DEFICIT-PIL RIMARRÀ AL 2,4% Confindustria chiede al governo un impegno maggiore per la crescita dopo la scure di Moody’s sul rating dell’Italia, ad un passo dal livello ‘spazzatura’, e la lettera di richiamo della Commissione Ue. Boccia lancia la sfida: correggere la manovra postando più risorse sulla crescita’. Il ministro Savona, anch’esso a Capri al convegno dei Giovani rassicura: ‘il debito pubblico è assolutamente solvibile, non c’è nessun rischio default’. Riattivare ‘gli investimenti per crescere il 2%-3%’. Il vice premier Di Maio smentisce ‘che si sia pensato a una riduzione del deficit, resta al 2,4%’, ha detto.