Il ’68 in mostra tra immagini e cronache

'1968: UN ANNO' © ANSA

ansa

PARMA- ‘1968. Un anno’: un anno chiave della storia del Novecento si fa mostra, dal 20 ottobre al 4 agosto, allo Csac-Centro studi e archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, all’Abbazia di Valserena. Il primo nucleo dello Csac nasce proprio nel ’68: oggi il Centro vanta una raccolta di oltre 12 milioni di materiali originali nell’ambito della comunicazione visiva e della ricerca artistica e progettuale italiana, a partire dai primi decenni del XX secolo. Un patrimonio suddiviso in cinque sezioni: Arte, Fotografia, Media, Progetto e Spettacolo. La mostra vuole far emergere le trasformazioni nel sistema della comunicazione, i mutamenti socio-antropologici (nuovi miti e nuovi riti) e una nuova riflessione sul corpo e sull’ambiente, che esplosero quell’anno. Ambiti e linguaggi differenti sono affiancati per affrontare le contaminazioni e la coesistenza di differenti culture.

L’ossatura è costituita da una lunga ‘timeline’, composta da oggetti, immagini e cronache. Vedova, Schifano, Ceroli, Pozzati, Borgonzoni e Xerra sono alcuni protagonisti di quella ricerca artistica che costituisce un punto di riferimento fondamentale per altri progetti legati all’immagine, come i reportage e le sperimentazioni fotografiche di Lucas, Migliori, Mulas, o le differenti strade del progetto grafico, pubblicitario ed editoriale che vede proprio nel ’68 la nascita del nuovo font ‘Forma’ per la fonderia Nebiolo da parte di Aldo Novarese, o ancora l’esplosione della cultura beat e underground con il progetto di Ettore Sottsass per la rivista ‘Pianeta fresco’. I molteplici canali della comunicazione tv sono raccontati attraverso i progetti di Armando Testa per Carosello, ma anche dai padiglioni Rai di Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Archizoom.

In mostra anche la riflessione sul corpo, rappresentata a differenti scale: dal gioiello all’abito, dall’ideazione di nuovi luoghi della cultura giovanile alla ridefinizione della scena e alla riappropriazione dello spazio pubblico. Spazio quindi alle sfilate happening ideate per Mare Moda Capri (Walter Albini), all’affermazione dell’uomo moda (Carlo Palazzi) e della maglieria (Albertina, Krizia). C’è poi il progetto architettonico e territoriale: la città con le sue periferie cresce con importanti interventi come il Gallaratese di Aymonino, o il quartiere Paolo VI di Taranto della Nizzoli Associati, mentre Gio Ponti riflette sulla forma del grattacielo. Ed ancora, le nuove infrastrutture che stanno trasformando l’Italia come i tratti autostradali con i suoi autogrill (come quello di Renzo Zavanella), o il concorso per il ponte sullo Stretto di Messina rappresentato dalle proposte di Giuseppe Samonà e Pierluigi Nervi, o la trasformazione della costa con la creazione di insediamenti turistici, come la Costa Smeralda di Luigi Vietti e i villaggi Touring di Roberto Menghi.