CUCCHI, IL TESTIMONE MINACCIATO FA APPELLO AL GOVERNO

IL CARABINIERE: HO FATTO IL MIO DOVERE E SUBISCO CONSEGUENZE ‘Per aver fatto il mio dovere, come uomo e come carabiniere, per aver testimoniato nel processo relativo a Stefano Cucchi, morto perché pestato dai miei colleghi, mi ritrovo a subire un sacco di conseguenze’. E’ l’appello di Riccardo Casamassima, l’appuntato dei carabinieri che con la sua testimonianza ha fatto riaprire l’inchiesta. In un video su Fb si rivolge ‘ai ministri Salvini e Di Maio e al presidente del Consiglio Conte: Mi ascoltino. Mi è stato notificato un trasferimento presso la scuola allievi ufficiali, sarò allontanato e demansionato. Ho subito minacce, nessuno mi ha aiutato, mi stanno distruggendo’.

ansa