Stadio Roma: Lanzalone puntava ad entrare nella vicenda Atac

Luca Lanzalone arriva in Procura, Roma, 15 giugno 2018 © ANSA

L’ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, puntava ad ottenere incarichi professionali anche nella vicenda del concordato sul futuro di Atac, la municipalizzata del trasporto capitolino. Dalle carte allegate al procedimento emergono i contatti tra l’avvocato genovese e “tale Carlo” che viene descritto come “”verosimilmente Carlo Felice Giampaolino (advisor legale per il concordato Atac)” . In una intercettazione del 22 maggio “Carlo (Giampaolino) tra l’altro afferma che il ricorso dovrà essere curato da Lanzalone o da un altro professionista con la sua caratura. I due commentano i problemi che potrebbero sorgere nel momento in cui sarà incaricata l’avvocatura del Comune di Roma per seguire le pratiche legali”.

Intanto, in un’intervista al Fatto Quotidiano, il sottosegretario Giorgetti racconta la ‘cena segreta’ con Parnasi e Lanzalone: ‘Parnasi lo conosco da 15 anni, eravamo vicini di casa. La cosiddetta cena segreta era un aperitivo… Lanzalone si è presentato come presidente di Acea, ha lasciato intendere che fosse stato l’avvocato di Grillo. Comunque loro non sono mai entrati nel confronto tra noi e i 5stelle’.

E sull’inchiesta relativa allo Stadio di Roma, il vicepremier Luigi Di Maio risponde velocemente ai cronisti lungo i pochi metri che lo portano al palco di piazza Indipendenza a Pomezia, cittadina a sud di Roma, dove il 24 giugno i 5S si giocano (di nuovo) il Comune al ballottaggio:  “Un grande equivoco, è tutto un malinteso”. Sette parole per interrompere il silenzio sull’inchiesta in corso sullo stadio di Roma che ha gettato un’ombra sul M5S, al governo da quindici giorni insieme alla Lega. Di Maio ha aggiunto di essere tranquillo. Sul palco ha spostato l’attenzione su quello che farà: non solo lui come doppio ministro (“Il decreto di dignità si farà subito, non c’è più tempo da aspettare”) ma anche i suoi colleghi Fraccaro e il presidente della Camera Fico. “La prossima settimana ci sarà il taglio dei vitalizi agli ex parlamentari”, assicura. Puntuale dal pubblico è arrivato l’applauso. Ma dallo stesso, a fine comizio un gruppetto ha urlato anche “Onestà onestà!”. Un coro che è nel dna del movimento fondato da Grillo, ed è lo stesso gridato in Campidoglio contro l’allora sindaco Ignazio Marino. Ma oggi l’onestà potrebbe essere contestata ai 5 Stelle. Non vede nessun collegamento tra i cori e l’inchiesta romana, il candidato al Comune Adriano Zuccalà: “Sì, li ho sentiti, ero sul palco ma non è niente di diverso dal nostro solito coro. Semmai è un rafforzativo di quello che era stato detto prima”, chiude il discorso. Inoltre nel giorno in cui Le Monde ‘sminuisce’ Di Maio contro “il tornado Salvini”, il vicepremier più giovane non cita mai l’altro collega di governo. Pur parlando di immigrazione, ad esempio, tutte le parole di Di Maio sono per il premier Conte per il no detto al decreto Dublino (“La Germania ci è venuta dietro”) o per l’esponente del suo partito, il ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli e per l’aiuto offerto comunque alle donne incinte e ai bambini a bordo dell’Aquarius. Niente invece su Salvini e sul suo no all’attracco della nave Aquarius. Eppure Di Maio ha invitato gli elettori a dire no. “A volte basta dire no, un po’ di no per ottenere un po’ di sì per gli italiani anche a livello europeo”, ha spronato.

Salvini, Lega serena, governo non deciso a cena  – “Come Lega siamo sereni, il Governo l’abbiamo deciso altrove non a cena. La responsabilità me la prendo io e Luigi Di Maio”. Così il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini torna sul caso dello stadio di Roma questa sera a Ivrea, a margine di un incontro elettorale in vista del ballottaggio del 24 giugno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA