AL NIDO CON 15 ANNI DI RESIDENZA, CONSULTA BOCCIA IL VENETO

ansa

LEGGE, ‘CONTRASTA CON PRINCIPI DI UGUAGLIANZA ED EDUCATIVI’ Il requisito della residenza protratta per 15 anni, richiesto da una legge del 2017 della Regione Veneto, come titolo di precedenza per l’accesso agli asili nido, è incostituzionale. Lo ha deciso la Corte costituzionale stabilendo che la norma contrasta col principio di uguaglianza, poiché introduce un criterio irragionevole per l’attribuzione del beneficio, e con la funzione educativa e socio-assistenziale.

Precedente WEINSTEIN PAGA 10 MILIONI DI CAUZIONE ED ESCE SUBITO Successivo IL PAPA A SORPRESA VISITA UNA SCUOLA ALLA PERIFERIA DI ROMA