Nulla di fatto per web tax italiana Scadenza fissata al 30 aprile ma al Mef si aspetta l’Europa

 © AP

(ANSA) – ROMA, 25 APR – Nulla di fatto per la web tax italiana. Dopo il gran clamore suscitato dall’introduzione nella scorsa legge di bilancio dell’imposta al 3% del fatturato, a pochi giorni dalla scadenza prevista per le disposizioni attuative non c’è ancora traccia del necessario decreto del Ministero dell’Economia. La norma della manovra prevede l’avvio della tassazione a partire dal primo gennaio 2019, ma demanda ad un decreto del Mef da pubblicarsi entro il 30 aprile la definizione degli ambiti di applicazione dell’imposta. Senza un nuovo governo pienamente in carica, il Ministero, secondo quanto si apprende, sembra dunque intenzionato a soprassedere, in attesa che una decisione sulla web tax sia presa in modo più sostanziale nell’ambito dell’Unione europea.

Precedente Champions, in coma supporter del Liverpool ferito. Arrestati due romanisti. Uefa "choc, provvedimenti severissimi" Successivo La teologia? Può essere «pop»