La Chiesa torinese con 34 giovani disoccupati. Ma non da lavoro a scuola ai preti sposati

La notizia pubblicata in http://www.vocetempo.it/la-chiesa-torinese-giovani-disoccupati/ è stata commentata dal Movimento Internazionale dei Sacerdoti Lavoratori Sposati: “Il Direttore dell’Ufficio Scuola IRC della diocesi di Torino, don Gottardo, aveva preso in giro un sacerdote sposato disoccupato, facendogli fare inutilmente un grande viaggio di speranza verso Torino. Alla fine lo aveva liquidato perché era troppo vecchio (il sacerdote sposato aveva solo 54 anni con idoneità all’insegnamento e in possesso dei titoli richiesti)  Un violazione dei più elementari diritti dei lavoratori (ndr)

Di seguito l’articolo

È entrato nella seconda fase il Laboratorio metropolitano promosso dalla Diocesi di Torino, nell’ambito dell’Agorà del Sociale, avviato lo scorso ottobre dall’Arcivescovo Nosiglia con l’obiettivo di affrontare, con metodi innovativi, il nodo della dell’educazione al lavoro dei giovani e della prevenzione alla disoccupazione nell’area torinese.

 

Concluso il periodo di formazione e orientamento per 34 ragazzi dai 18 ai 29 anni inizia ora l’esperienza di tirocinio in azienda. I giovani hanno ricevuto il “mandato” dalla Pastorale del Lavoro diocesana il 19 marzo al Santo Volto.

Il progetto è finanziato dalla Diocesi attraverso i fondi lasciati dal Papa per il territorio torinese in occasione della sua Visita pastorale a Torino nel giugno 2015, frutto delle offerte dei pellegrini per l’Ostensione della Sindone. Sono impiegate, inoltre, risorse, stanziate dalla Fondazione Operti e dalla Compagnia di San Paolo.

Con la Pastorale del Lavoro e la Fondazione Operti collaborano al Laboratorio la Cooperativa Orso e le associazioni Ires, Engim, Gioc e Acli.

I ragazzi, provenienti da cinque zone della diocesi,  Collegno (7 ragazzi) Rivoli (6), Settimo Torinese (7), Torino Falchera (6) e Torino Mirafiori Nord (8), presteranno il loro tirocinio professionale in multinazionali come l’Oreal di Settimo, sartorie artigianali, aziende di servizi, officine. Saranno seguiti da animatori  della Pastorale del Lavoro, educatori e tutor in azienda e da due parroci, don Teresio Scuccimarra, parroco di San Giuseppe Artigiano a Settimo, e don Filippo Raimondi, parroco a Collegno.

Precedente Esorcismi e abusi, la minaccia: «Se non ritira la denuncia la faccio indagare: è gay» Successivo E' morto il cardinale scozzese Keith O'Brien