Il no ai preti sposati spiegato con la satira…

Nuova spassosa incursione di Corrado Guzzanti, nei panni dimonsignor  Florestano Pizzarro, nella trasmissione Propaganda Live (La7). Intervistato dal giornalista Andrea Purgatori, padre Pizzarro-Guzzanti esprime un suo rimpianto: “Ratzinger non lo volevo manda’ via, ma affiancarlo insieme a Bergoglio. A me piaceva la coppia, loro due insieme sono una cosa che te fa schiantare dalle risate. Sai quelle alchimie per cui appena li vedi ridi? Tipo il poliziotto buono e quello cattivo. Quello dice: ‘Perdonamo i gay‘. E quell’altro: “Sì, cor foco che li perdonamo””. Il “religioso” poi spiega perché la Chiesa è contraria al matrimonio dei preti: “Mica siamo contrari per il discorso della purezza e della castità. Lo siamo per non dare altri soldi agli avvocati. Punto. Poi per me fai come te pare. Non me ne frega niente: te vuoi sposa’? Sposate. Poi non veni’ qui a piagne”. Padre Pizzarro, infine, spiega l’elezione del pontefice: “Er conclave so’ io. La fumata nera? E’ per la porchetta, che fa un fumo nero terribile. Che poi non è soltanto er fumo nero, ma er grasso che s’arrampica fino al camino, se raffredda, fa le gocce e scenne. La fumata bianca? No, quella è un’altra cosa. Non te la posso di’, perché non stiamo in California purtroppo”

Il Fatto Quotidiano

Precedente Un’alleanza per il clima, la terra e la giustizia sociale Successivo Don Barone, pressing su Moggi «Devi restituirmi subito i soldi»