Cacciato dalla chiesa per pedofilia, prete vicentino ucciso dall’amante

L’OMICIDIOPADOVA Prima un’accesa discussione per motivi sentimentali, poi l’aggressione e la coltellata fatale. «Venite qui, l’ho ucciso». Così un ragazzo colombiano di 18 anni ha confessato alla Polizia di Medellín l’omicidio di Dino Cinel, ex sacerdote originario di Rossano Veneto (Vicenza) molto noto nel Padovano perché i sindaci di Cittadella e San Martino di Lupari quasi dieci anni fa gli negarono la residenza, con uno strascico di querele e polemiche.

Precedente Attivisti Lgbt "allontanati" dal Vaticano, ecco cosa è successo Successivo Giovani statunitensi e Chiesa cattolica: perché lasciano?

Lascia un commento