Boston Globe: “Il film di Guadagnino esalta abusi sessuali”

Anche il film di Luca Guadagnino, ‘Chiamami col tuo nome’, candidato a 4 premi Oscar, finisce nel mirino della stampa americana con l’accusa di esaltare gli abusi sessuali. Secondo un articolo del ‘Boston Globe’ di qualche giorno fa, infatti, la pellicola uscita nelle sale italiane il 25 gennaio scorso, è “una master class abilmente diretta, splendidamente fotografata e meravigliosamente recitata di assalti e abusi sessuali”.

Cheyenne Montgomery, autore dell’articolo del quotidiano che rivelò per primo in america lo scandalo dei preti pedofili, apprezza le qualità “lussureggianti e oniriche” del film, ma non si riconosce nei critici che definiscono la pellicola di Guadagnino “un trionfo erotico” o “una meraviglia romantica”, perché non tengono conto della differenza d’età dei due protagonisti.

LE CRITICHE – In ‘Chiamami col tuo nome’ il protagonista Elio (Timothee Chalamet) è un ragazzo di 17 anni che avvia una relazione con Oliver, un giovane americano 24enne (Armie Hammer), nella campagna lombarda durante l’estate 1983.

Secondo Montgomery, ‘Chiamami col tuo nome’ non parla del rapporto tra un uomo più grande e uno più giovane ma “falsa una relazione di sfruttamento tra un adulto e un adolescente”. Sono “relazioni manipolative – scrive – che causano danni duraturi, cosa che so per esperienza personale”.

IL PASSATO – E racconta che da studente 15enne, al Choate Rosemary Hall, un college privato nel Connecticut, incontra il suo insegnante di matematica con il quale avvia un rapporto confidenziale che, dopo ripetute domande personali del docente, lo spinge a confessare di essere stato più volte vittima di abusi sessuali in famiglia.

Una confessione che, anziché spingere l’insegnante a denunciare gli abusi, lo porta a instaurare un rapporto sempre più confidenziale con Montgomery. I due avviano una relazione che continua fino a quando il giovane perde la verginità, come racconta lui stesso, durante un viaggio in campeggio con il docente di matematica.

IL RISCHIO – Il giornalista paragona la sua esperienza a quella del giovane protagonista del film di Guadagnino e scrive: “Un Elio della vita reale molto probabilmente soffrirebbe di depressione e potrebbe anche diventare un suicida”.

Montgomery conclude il suo articolo sul ‘Boston Globe’ sottolineando che ‘Chiamami col tuo nome’ “ha il potenziale per causare danni reali normalizzando questo tipo di conquista sessuale. Potrebbe essere particolarmente dannoso per i giovani della comunità Lgbt, che sono già ad alto rischio di depressione e suicidio”.

adnkronos

Precedente Napoli, nuovo caso preti pedofili ma il Vaticano archivia: è causa civile Successivo Don Tonino Bello, il pastore scomodo che marciò contro la guerra

Lascia un commento