DECRETO Diocesi: Aversa, sospeso per un anno don Michele Barone

È stato sospeso per un anno dal ministero pubblico il sacerdote don Michele Barone. Lo comunica con una nota la diocesi di Aversa, che annuncia la decisione del vescovo, mons. Angelo Spinillo. Il presule “dopo un tempo di attenta valutazione delle segnalazioni arrivate circa l’operato del sacerdote, che ha turbato gravemente i fedeli in ragione di alcune pratiche di esorcismo, ha ritenuto opportuno il provvedimento”. Il sacerdote di Casapesenna era finito al centro di una polemica per le pratiche che adottava, dopo un servizio della trasmissione televisiva “Le Iene”. Il vescovo nel decreto rende noti i motivi della sospensione. A don Barone viene contestato di essere stato “fonte di grave turbativa presso i fedeli a ragione della pratica di strane preghiere di esorcismi da lui compiuti nei confronti di minori e di persone da lui definite ‘possedute’”. “Nonostante l’ammonizione, don Barone ha continuato a praticare preghiere di esorcismo particolarmente nei confronti di una ragazza minorenne e con serie problematiche personali” e “ha tenuto comportamenti inadeguati allo stato sacerdotale”. La nota si conclude con un invito alla preghiera. “Invitiamo tutti i fedeli a essere uniti intorno a mons. Angelo Spinillo e alla nostra Chiesa in questo tempo di prova”

agensir

Se Libero quotidiano se la prende anche con la satira di Staino per attaccare i preti sposati…

Un vignetta e basta quella di Staino su Avvenire. Il Movimento Internazionale dei Sacerdoti LAvoratori SPosati interviene sul commento-attacco di Libero Quotidiano che riferisce delle affermazioni di “Cooperatores Veritatis”: “Ogni occasione è buona per attaccare indirettamente probabili possibili riforme della Chiesa sul celibato dei preti e sulla riammissione dei preti sposati”.

Sergio Staino su L’Avvenire sta creando grattacapi al quotidiano dei vescovi. protagonisti del disegno sono Gesù e Maria Maddalena, con quest’ultima che chiede al Cristo se gli piaccia il suo nuovo copricapo. Gesù cerca in tutti i modi di dire il falso, ovvero che sì il copricapo è di suo gusto, ma alla fine capitola sbottando in un “è orribile” e ricevendo così un sonoro schiaffone dalla Maddalena. La “striscia” si conclude con Gesù che chiede al Padre il “motivo di questa condanna a dire sempre la verità”. L’articolo sotto riportato è sintomatico (ndr).

—–

A scendere sul piede di guerra sono stati i Cooperatores Veritatis: “Avvenire – scrivono sul loro sito – sta sdoganando da tempo tutto ciò che è contro la Dottrina cattolica. Ma ci si augurava e ci si aspettava, che da Staino potesse giungere un leggero e nascosto ‘timor di Dio’, se non altro per rispetto della Fede altrui… e invece no! Tutta la vignetta semina l’eresia attaccando la castità di Gesù Cristo e la Maddalena. E’ una presa in giro al rapporto coniugale”, scrivono sempre quelli di Cooperatores Veritatis. E ancora:”E’ altamente sacrilega con quello schiaffo a nostro signore Gesù Cristo ridotto ad un ruolo da marito, succube di una Maddalena in preda alla vanità…. Non c’è solo l’eresia e la blasfemia del racconto evangelico e della storia di Gesù e della Maddalena, ma c’è anche la profanazione del corpo di Cristo vero Dio, quando ricevette lo schiaffo durante il falso processo che lo condusse alla morte”.

tratto da Libero Quotidiano

Il vescovo Spinillo e l’arresto di don Michele: “La Curia non sapeva”. Monsignor De Luca tra gossip e documenti: “Mai convocato in Vaticano”

Polemiche, presunti scandali hard, arresti e soprattutto giudizi. Il mondo clericale del Vallo di Diano non sta vivendo certo un periodo sereno. Da una parte le rivelazioni – pro libro – del gigolò Mangiacapra su festini a luci rosse tra preti omosessuali con sette tra parroci e seminaristi della Diocesi di Teggiano-Policastro coinvolti, dall’altra la vicenda che sta toccando il vescovo di Aversa, il santarsenese don Angelo Spinillo. Per quanto riguarda il primo argomento, sta viaggiando anche un presunto comunicato stampa con nomi, cognomi e particolari. Un “documento” che non trova conferme ufficiali e che serve solo per alimentare voyeurismo e gossip.  Il vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, Antonio de Luca ha fatto sapere che “Studierò e valuterò il caso per procedere poi secondo le indicazioni  previste  dalle disposizioni canoniche e civili”. Smentite le voci di una sua convocazione a Roma da parte del Vaticano. E poi c’è la vicenda di Aversa. Questa sì con aspetti penalmente rilevanti (rispetto a quanto rilevato da Mangiacapra. La vicenda di Don Michele Barone i suoi “esorcismi” non autorizzati finita sulla trasmissione “Le Iene” e terminata con l’arresto del sacerdote (insieme ai genitori della tredicenne e a un poliziotto), accusato di violenza sessuale, maltrattamenti e lesioni. Il vescovo di origini santarsenese e molto amato nel Vallo di Diano ha rilasciato una intervista al quotidiano il Mattino. “È una situazione tristissima, della quale nella sua estrema crudezza – abbiamo appreso dagli organi ufficiali e dalla stampa. Una serie di azioni molto gravi di cui non avevamo conoscenza. E questo ci dispiace profondamente”, ha detto tra le altre cose. Nell’intervista rilasciata ad Aldo Balestra, don Angelo ripercorre la vicenda. “La Diocesi non ha mai voluto nascondere nulla”.  Ma il prete al gip – dopo l’arresto – ha accusato il vescovo: “Sapeva tutto”.

italia2tv.it

REPORTER UCCISO, SI DIMETTE MINISTRO CULTURA SLOVACCO

‘NON RIESCO AD IMMAGINARE DI RIMANERE IN CARICA’ Alla luce dell’assassinio del giornalista Jan Kuciak, il ministro della Cultura slovacco Marek Madaric (Smer, democratici sociali) ha annunciato oggi le dimissioni. “Dopo quello che è successo, non riesco ad immaginare di rimanere in carica. La mia decisione è collegata all’assassinio”, ha detto Madaric.(ANSA).

STRAGE A LATINA, CARABINIERE SPARA ALLA MOGLIE E SI SUICIDA TROVATE MORTE FIGLIE DI 14 E 8 ANNI, FORSE UCCISE NEL SONNO

ansa

Luigi Capasso, il carabiniere che stamani aveva sparato alla moglie a Cisterna di Latina, si è suicidato e nell’appartamento sono state trovate morte le due figlie di 8 e 14 anni, che sarebbero state uccise nel sonno. I carabinieri hanno fatto irruzione nella casa, dove l’uomo si era barricato per nove ore con le bambine a quel punto presumibilmente già morte, dopo che si erano interrotte le trattative da circa un’ora. Stamane il militare aveva aspettato la moglie in garage e le ha sparato mentre stava uscendo per andare al lavoro. Sembra che la coppia si stesse separando. La donna, raggiunta da tre colpi, è in gravissime condizioni. Il suo legale, era già stata aggredita.

Arrivo neve su città del Nord,a Roma fiocchi molto probabili

(ANSA) – ROMA, 28 FEB – In arrivo nuove nevicate al Nord, con le precipitazioni più intense che nella notte e domani interesseranno, tra le città, Torino, Cuneo, Genova e Bologna, Parma e Reggio Emilia. Lo rende noto Andrea Giuliacci, meteorologo del Centro Epson Meteo. Sono previsti fiocchi anche a Roma, dove nella notte potrebbero essere imbiancate le parti più alte della città. “La situazione nella capitale – spiega – è al limite per la probabilità di precipitazioni. La neve sarà intervallata a tratti dalla pioggia”. (ANSA).

Maltempo: allerta P. Civile, ancora neve e pioggia sull’Italia

(ANSA) – ROMA, 28 FEB – Nuova allerta meteo del Dipartimento della Protezione Civile: a partire dalla nottata sono attese nevicate fino in pianura sulle regioni centrali, con la quota neve che con il passare delle ore si assesterà ad altitudini più elevate lasciando spazio alla pioggia. Su tutto il centronord Italia, invece, le nevicate interesseranno quote di pianura fino ad almeno venerdì.

L’avviso meteo prevede dunque a partire da stasera deboli precipitazioni nevose fino a quote di pianura e con possibile formazione di ghiaccio al suolo su Umbria, Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Basilicata, Puglia e Calabria settentrionale. Dalla tarda serata si prevedono inoltre nevicate diffuse fino a quote di pianura su Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana e Marche, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti e successive estese gelate. il Dipartimento ha anche valutato per domani una allerta gialla per rischio idrogeologico sui bacini centro-meridionali dell’Emilia Romagna, sul settore orientale dell’Umbria, sull’Abruzzo, sul Molise, sulla Sicilia orientale.(ANSA).

Maltempo:ancora neve a nord, ma gelo ha ore contate

(ANSA) – ROMA, 28 FEB – Ha le ore contate l’ondata di gelo siberiano che ha colpito anche l’Italia: dopo aver raggiunto oggi il suo picco, tenderà gradualmente ad attenuarsi, in particolare già domani al Centrosud dove è atteso un sensibile rialzo delle temperature. Al Nord, invece, l’aria fredda persisterà più a lungo e sono previste nevicate tra questa notte e domani. Fiocchi molto probabili anche a Roma, dove dovrebbero essere imbiancate le parti alte della città.

Secondo le previsioni dei meteorologi del Centro Epson Meteo-Meteo.it, l’arrivo di una perturbazione darà luogo nella notte a nevicate fin su pianure e coste al Nordovest, in Emilia, Toscana e sull’interno del Centro. Saranno imbiancate molte grandi città tra cui Torino, Milano, Bologna, Venezia, Firenze, Ancona, Perugia e Pescara, ma una breve fase nevosa è possibile anche a Roma. Domani la neve cadrà in quasi tutto il Nord, sarà più abbondante in Liguria, in Emilia e sull’Appennino settentrionale. Al mattino sono previste nevicate fino a quote di pianura anche su Toscana, Umbria e Marche, regioni in cui poi nel pomeriggio la pioggia sostituirà la neve. “Le precipitazioni più intense – ha spiegato Andrea Giuliacci, meteorologo del Centro Epson Meteo – si avranno, tra le città a Torino, Cuneo, Genova e Bologna, Parma e Reggio Emilia. “A Roma la situazione – spiega – è al limite per la probabilità di precipitazioni. La neve sarà intervallata a tratti dalla pioggia”.

L’aria mite in arrivo con i venti di Scirocco determinerà – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – un sensibile rialzo termico che domani segnerà la fine di questa fase estremamente fredda al Centro-sud, mentre al Nord l’aria fredda intrappolata in Pianura Padana persisterà più a lungo.

La tendenza per l’ultima parte della settimana, secondo i meteorologi del Centro Epson Meteo-Meteo.it, rimane ancora molto incerta: al momento non si prevede alcun miglioramento del tempo e saranno possibili nuove precipitazioni. Sull’Italia, precisano, continuerà infatti ad affluire aria umida e ci sarà ancora occasione per delle piogge, con il rischio per la giornata di venerdì di neve fino a quote molto basse sulle regioni nord-occidentali. Le temperature, concludono gli esperti di Epson Meteo, gradualmente aumenteranno anche sulle regioni settentrionali, riportandosi su valori più normali per la stagione. (ANSA).

Don Michele Barone nega tutte le accuse durante l’interrogatorio: “Il Vescovo sapeva”

Santa Maria Capua Vetere, Casapesenna (Caserta) – Un interrogatorio di garanzia durato oltre tre ore durante il quale don Michele Barone, il sacerdote ristretto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere da venerdì scorso, ha respinto tutte le accuse ed ha chiesto di tornare in libertà. Barone risponde di violenza sessuale aggravata e maltrattamenti, ma altri segreti del parroco del tempio di Casapesenna, sospeso per un anno dall’ufficio, potrebbero venir fuori nel corso delle indagini.

Davanti al gip Ivana Salvatore, che ha ordinato l’arresto del prete, del poliziotto Luigi Schettino e dei genitori di una delle ragazze vittima di violenze, don Michele, difeso dal noto avvocato Carlo Taormina, ha affermato che il vescovo della Diocesi di Aversa mons. Angelo Spinillo era a conoscenza dei riti ai quali venivano sottoposte le ragazze. Riti che secondo il prelato non erano esorcismi (Barone non era il sacerdote autorizzato dalla Curia a svolgere queste pratiche) ma atti di purificazione.

Nelle prossime ore saranno interrogati i genitori dell’adolescente “Giada”, nome di fantasia attribuito alla ragazzina nel servizio delle Iene che ha fatto scoppiare il caso.

Caserta Web