Viaggio tra luoghi memoria ebraica da Nord a Sud

(di Cinzia Conti) (ANSA) – ROMA, 25 GEN – Dalla Risiera di San Sabba di Trieste al Sacrario delle Fosse Ardeatine, dal Meis di Ferrara al Museo Sinagoga Sant’Anna di Trani. Sono oltre 180 i luoghi dell’identità culturale ebraica presenti in Italia. Non solo musei e sinagoghe, ma anche cimiteri, memoriali, palazzi, intrisi di storia e di dolore, che racchiudono e raccontano un pezzo drammatico della storia ebraica. E che proprio nel Giorno della Memoria saranno visitati da oltre 78 mila italiani.

In Italia ci sono 21 comunità ebraiche di dimensioni molto diverse tra loro, con propri rabbini o ministri di culto, con una o più sinagoghe, scuole e servizi a disposizione della comunità ed è nelle città dove esistono tali comunità che si trovano i principali luoghi di visita.

“Tutto questo enorme patrimonio – dice Massimo Feruzzi, responsabile della società di ricerche turistiche Jfc che ha curato una ricerca sull’argomento – si sta sempre più aprendo ai visitatori, che sono interessati anche a ‘vivere’ un’esperienza più completa della cultura ebraica sotto forma di itinerario e di incontro con le comunità, di visita del ghetto, di conoscenza delle tradizioni e della cultura. Ed è anche per questo motivo che, ad esempio le sinagoghe, si stanno sempre più aprendo a mostre, esposizioni d’arte, workshop, presentazioni, incontri, sebbene venga richiesto il rispetto per la fede ebraica, ad esempio non effettuando visite di sabato e durante le feste”.

Un fenomeno che all’estero funziona già molto bene: anche senza considerare i 200 mila ingressi che registra ogni anno il Beit Hatfutsot Museum di Tel Aviv, i più vicini mahJ di Parigi ed il Museo de Historia de los Judìos di Girona in Spagna registrano circa 90 mila visitatori annui ciascuno, con l’ingresso inserito nei “museum pass” e con visitatori provenienti dall’America del Nord, del Sud, dall’Asia, dall’Africa, dal Medio Oriente dall’Oceania, oltre che dall’Europa, registrando tassi di crescita costanti variabili tra il 7% ed il 15% annui. In Italia ci sono oltre 20 musei ed esposizioni permanenti, 60 sinagoghe e 100 cimiteri.

“Complessivamente, nel 2017 – aggiunge Feruzzi – i 25 luoghi più rappresentativi della cultura ebraica in Italia hanno attirato 711.210 visitatori, con un incremento del +12,1% rispetto all’anno precedente. Si tratta di ospiti provenienti da diversi Paesi, con una quota di internazionalizzazione pari al 36,7% e con una forte concentrazione di studenti italiani, che rappresentano oltre il 50% dei visitatori nazionali. Un comparto, questo legato alla cultura ebraica, che nel 2017 ha generato un valore complessivo pari a 45 milioni 750 mila euro”.

“Nel 2018 – conclude Feruzzi – si stima una crescita di visitatori con questo interesse primario – nel nostro Paese – del +24,5%, raggiungendo in tal modo nell’anno appena iniziato quota 885 mila visitatori, anche grazie alla recente apertura del Meis. Il potenziale mercato è comunque molto più ampio di quello attuale, pari a 11 milioni 803 mila clienti ebrei solo in Israele e negli Usa, mentre si calcola che in tutto il mondo gli ebrei siano oltre 100 milioni”.

I PRINCIPALI LUOGHI EBRAICI IN ITALIA – In PIEMONTE il Complesso Museale Ebraico di Casale Monferrato, la Sinagoga e la Mostra Permanente di Carmagnola, la Sinagoga e il Museo Ebraico di Asti. In VENETO il Museo Ebraico di Venezia e il Museo della Padova Ebraica di Padova. Nel LAZIO il Museo Ebraico di Roma e il Sacrario delle Fosse Ardeatine. In TOSCANA il Museo Ebraico di Firenze, quello di Pitigliano e quello di Livorno, la Sinagoga di Siena. In EMILIA ROMAGNA il Meb di Bologna, il Museo Ebraico di Soragna, il Meis di Ferrara, il Museo ed il Campo di Fossoli di Carpi. In FRIULI VENEZIA GIULIA il Museo Ebraico e la Risiera San Sabba di Trieste, il Museo della Sinagoga di Gorizia. In LOMBARDIA il Museo e la Sinagoga di Sabbioneta e il Memoriale Shoah Binario 21. Infine il Museo Sinagoga Sant’Anna di Trani, il Museo Ebraico di Merano e il percorso della Lecce Ebraica Medievale e Palazzo Taurino. (ANSA).

Precedente Treno deragliato: chi sono le tre donne morte Successivo Influenza:Iss, 7 casi gravi tra donne incinte,oltre 60 morti

Lascia un commento