Inchiesta – Parrocchia Spa: 500.000 euro tra offerte e affitti in centro

PARABIAGO (MILANO) – 80.000 euro l’anno di affitti stimati e percepiti dai cinque negozisotto i portici di via Sant’Ambrogio, di fianco alla chiesa dei Santi Gervaso e Protaso. Cui aggiungere altre migliaia di euro derivate dalle iscrizioni all’oratorio feriale e dalle libere offerte durante le celebrazioni delle messe e delle varie funzioni. Così si compone l’immenso patrimonio della parrocchia Sant’Ambrogio di Parabiago, nel Milanese, che si trova in piazza Maggiolini, nel cuore della città.

I commercianti alzano il muro del silenzio

Libera Stampa l’Altomilanese, per fare i conti in tasca all’ente ecclesiastico, ha chiesto ai diretti interessati e a qualche esperto del settore immobiliare. Le attività commerciali che si trovano sotto i portici sono due negozi di abbigliamento, due filiali legate al mondo delle assicurazioni e una bottega che vende gioielli e manufatti preziosi. Escluso dai giochi, in questo caso, è l’istituto tecnico professionale ‘Clerici’, la cui sede si trova proprio nel territorio parrocchiale. Andando a parlare con i proprietari dei vari negozi, ci siamo trovati davanti un muro di silenzio: chi non vuole parlare, chi non è reperibile e chi si rimette al volere del parroco Felice Noè. Abbiamo dunque provato a entrare in contatto con il parrocco, ma non è stato possibile trovarlo.

La stima economica degli agenti immobiliari

Per ponderare una media di guadagni annui, ci siamo dunque rivolti a un’agenzia immobiliare parabiaghese, la quale ci ha spiegato come calcolarla: “Il prezzo per metro quadrati, in quella zona, oscilla tra i 150 e i 200 euro, mentre la media standard per un negozio è sugli 80 metri quadrati”. Contando che le attività sono cinque, il calcolo con le cifre massime è presto fatto: poco più di 1.300 euro al mese e 16.000 euro annui per ciascun negozio, che insieme donano alla parrocchia 80.000 euro. E se a questi aggiungiamo le incalcolabili offerte dei fedeli e i 50 euro a bambino per l’iscrizione all’oratorio feriale, si può ragionare attorno a una cifra che va verso il mezzo milione di euro. Non male, anche in tempo di crisi.

liberastampa.net

Precedente MACRON RIDISEGNA L'EUROPA, TRATTATI CON MAY E MERKEL Successivo Quando i preti erano sposati: le porte si apriranno di nuovo?

Lascia un commento