DOLCE E GABBANA, SACRO E PAGANO, SFILANO ANGELI DAMASCATI

Prendi la sacralità di putti e cherubini, uniscila alla mondanità dei millennials e aggiungi una forte dose di ironia: ecco la ricetta dei “king’s angels” proposta da Dolce e Gabbana per la prossima stagione fredda. A portarla in scena,  a Milano, figli di, celebrità del web, rapper e calciatori come Paulo Dybala, l’attaccante juventino che ha chiuso la sfilata, prima dell’uscita finale accompagnata dall’esibizione di Maluma.

“Ognuno di noi – dice Stefano Gabbana – ha il suo angelo custode e ognuno gli dà un’interpretazione diversa, può essere una persona che non c’è più o una persona che ci è cara, perché ognuno di noi ha bisogno di sentirsi protetto, io stesso fin da quando sono piccolo tutte le sere recito l’angelo custode, che ho voluto anche far scrivere su una maglietta, con una certa ironia”. Guai a parlare di profano però, “pagano semmai” replica Stefano, spiegando che lui in chiesa ci va spesso “a ringraziare per la fortuna che ho avuto”. Sono sicuramente fortunati anche i ‘millennials’ che Dolce e Gabbana considerano i nuovi re e che hanno già portato varie volte in passerella. Oltre alla star di Instagram Cameron Dallas, il cui arrivo ogni volta scatena l’isteria delle ragazzine,  hanno sfilatoChristian Combs, rapper diciannovenne figlio di Puff Diddy e della modella Kim Porter, e Roberto Rossellini, il bellissimo figlio adottivo di Isabella, che si è detto molto felice di essere diventato zio grazie alla sorella Elettra. E poi il rapper italiano Tedua e l’idolo delle giovanissime Riki. Tutti ugualmente ricoperti di angeli e broccati. Cherubini e serafini sono ricamati, stampati, aerografati su tute in ciniglia, felpe in velluto, completi damascati, pellicce intarsiate, cappotti gessati, tuxedo jacquard. Persino gli stilisti si sono fatti ritrarre in forma di angeli sulla felpa con la scritta Paradiso, che i millennials accompagnano con lo zaino dorato con le fattezze di un puttino o con una corona in velluto e oro. Non sfila, ma sorride dal suo posto in prima fila l’attore inglese Kit Harington, che interpreta Jon Snow nella serie cult ‘Il trono di spade’. Si replica con un ‘unexpected show’ dedicato alle proposte più sportive della griffe, di scena al Martini bar di corso Venezia, mentre la collezione sartoriale sfila alla Rinascente, in un appuntamento aperto al pubblico. “Abbiamo fatto il nostro calendario in questa fashion week che più che altro è un fashion weekend” scherza Stefano Gabbana, alludendo alla brevità di Milano Moda Uomo, dove il loro marchio è presente con tre appuntamenti, tutti fuori calendario

ansa

Precedente Il 15 gennaio è il Blue Monday, un viaggio per combatterlo Successivo New perspective, angolazioni inedite per guardare la realtà

Lascia un commento