La questione dei preti sposati è innanzitutto una questione teologica

Il Movimenti Internazionale dei Sacerdoti LAvoratori Sposati rilancia alcune tesi del teologo Basilio Petrà.

Oggi “sono maturi i tempi teologici e in generale ecclesiali perché si passi al riconoscimento formale che il Signore chiama tanto uomini celibi quanto uomini sposati all’esercizio del ministero presbiterale in tutta la Chiesa cattolica e che ogni Chiesa della comunione cattolica dovrebbe operare coerentemente con tale riconoscimento. La questione del clero sposato non è una questione sociologica né un problema di migliore utilizzazione delle risorse umane nella Chiesa, essa è innanzitutto una questione teologica. Ciò significa che ha questa forma: il Signore chiama anche uomini sposati all’esercizio del ministero ordinato nella Chiesa oppure no? Se infatti il Signore fa questo, allora la Chiesa può solo accogliere questo dono di Dio e non rigettarlo.

Precedente Scagionato Vescovo Mogavero Successivo Preti sposati undicesima tesi non scritta per salvare la Chiesa

Lascia un commento