Diocesi: Molfetta, a gennaio due appuntamenti in vista del 25° della morte di don Tonino Bello

“L’inizio del nuovo anno ci avvicina al 25° anniversario del dies natalis del servo di Dio Antonio Bello, vescovo (20 aprile 1993-2018), al quale tutto l’anno pastorale diocesano è orientato. Agli eventi già promossi da settembre a dicembre, seguono, come da calendario pastorale, appuntamenti importanti programmati dal vescovo Domenico Cornacchia e dal Comitato diocesano per il 25°”. Lo ricorda una nota della diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi.
Tutta la comunità, quindi, convergerà “per fare memoria e per guardare avanti, sollecitata dallo sguardo profetico di don Tonino e dalla parola di autorevoli personalità e testimoni”. Le prime tappe di questo cammino saranno a Giovinazzo e a Terlizzi, a gennaio. Mercoledì 24 gennaio, nell’auditorium “don Tonino Bello” della parrocchia Immacolata a Giovinazzo (ore 18) si terrà
il convegno diocesano nella Festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, organizzato dall’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali, intitolato “La comunicazione nella Chiesa dal Concilio a Papa Francesco. L’esperienza di don Tonino Bello”. L’incontro “offrirà occasione di riflessione e dibattito sul tema della comunicazione nella Chiesa, a partire dal decreto conciliare Inter Mirifica, con due focus: lo stile comunicativo di Papa Francesco e quello di don Tonino Bello”, spiega la nota. Interverranno Piero Ricci, presidente Ordine giornalisti della Puglia, Tommaso Depalma, sindaco di Giovinazzo, padre Martín Carbajo Núñez, docente di Etica della Comunicazione all’Antonianum, Umberto Folena, giornalista di Avvenire, don Girolamo Samarelli, Renato Brucoli e don Ignazio Pansini, già direttori del settimanale diocesano “Luce e Vita”. Le conclusioni saranno affidate al vescovo Cornacchia. Moderatore Luigi Sparapano, direttore dell’Ucs diocesano e di “Luce e Vita”.
Altro appuntamento domenica 28 gennaio, a Terlizzi (ore 19,15). “Il mese di gennaio, dedicato alla pace, si conclude a livello diocesano con la veglia di preghiera a cura della Consulta delle aggregazioni laicali – rammenta la nota -. Il messaggio di Papa Francesco ‘Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace’, evoca l’impegno diuturno che don Tonino espresse tanto in circostanze di portata storica quanto nella ordinarietà delle sue relazioni”. Il programma prevede il raduno in piazza Cavour e breve processione verso la concattedrale. La veglia sarà introdotta da mons. Cornacchia, seguirann testimonianze e video di migranti e gli interventi di mons. Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva e presidente nazionale di Pax Christi, e di don Gianni de Robertis, direttore nazionale Migrantes.

agensir

Precedente La rivoluzione. Toyota: stop al diesel, da subito Successivo L’ULTIMO SALUTO I social e i funerali in chiesa: l’abbraccio ai due fidanzati

Lascia un commento