Ebrei, via nome V.Emanuele III da scuole

“Via il nome di Vittorio Emanuele III, firmatario nel 1938 delle Leggi razziste e complice di numerosi crimini commessi dal fascismo nell’arco del Ventennio, dalle scuole e biblioteche pubbliche a lui intitolate in Italia”. E’ quanto chiede la presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni in un messaggio inviato al ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini e diffuso nel notiziario quotidiano dell’ebraismo italiano Pagine Ebraiche 24. “Con sgomento – scrive la presidente Ucei – abbiamo in questi giorni potuto constatare, con semplici ricerche, che in Italia esiste purtroppo ancor oggi un lungo elenco di scuole e di biblioteche pubbliche dedicate dagli italiani al re che li abbandonò al loro destino: valga per tutti l’esempio della Biblioteca Nazionale di Napoli, biblioteca pubblica statale, terza per importanza tra le biblioteche italiane, dopo le due Nazionali Centrali di Roma e di Firenze, che ha sede presso il Palazzo Reale, in Piazza del Plebiscito

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Precedente Etiopia: libertà per detenuti politici Successivo Vescovi svizzeri avrebbero coperto per anni i preti pedofili, ad esempio spostandoli da una parrocchia all'altra

Lascia un commento